LIBRI

AA.VV. “Calabresi sovversivi nel mondo. L’esodo, l’impegno politico, le lotte degli emigrati in terra straniera (1880 – 1940), Rubbettino, pp. 164, 10 euro

AA.VV. "Piegarsi vuol dire mentire. Germania: la resistenza libertaria al nazismo", edizioni Zero in condotta, 2005, pp. 97, 7 euro

AA.VV., "Que linda Nicaragua!", Fratelli Frilli Editori, 2005, pp. 348, €. 17,50

AAVV, "Per un mondo migliore. Alle radici dell'anarchismo modenese", Edizioni Biblioteca Popolare Ugo Fedeli, 2005, pp. 240, 9,50 euro

Matha A. Ackelsberg, "Mujeres libres. L'attualità della lotta delle donne anarchiche nella rivoluzione spagnola", Zero in condotta, 2005, pp. 328 + 16 di foto

Giorgio Agosti, "Dopo il tempo del furore", Einaudi, 2005, pp 780. 22 euro

Giuse Alemanno, “Terra nera. Romanzo perfido e paradossale di cafoni e d’anarchia”, Stampa Alternativa, 2005

Giorgio Amico – Yurii Colombo, "Un comunista senza rivoluzione Arrigo Cervetto dall’anarchismo a Lotta Comunista: appunti per una biografia politica". In appendice: Franco Astengo, "Gli ultimi decenni della Savona operaia", maggio 2005, Massari editore, pp. 168, € 10

Claudia Baldoli, "Il nostro maggio. all'origine della festa dei lavoratori: autobiografie e testimonianze da Chicago", Spartaco, 2005

Fulvio e Gianfranco Bellini (a cura di Paolo Cucchiarelli), “Il Segreto della Repubblica. La verità politica sulla strage di Piazza Fontana”,  Edizioni Selene, pp. 184, € 13,00

Cesare Bermani, "Non più servi, non più signori. L'Internazionale raccontata da Cesare Bermani", Elleu Multimedia, 2005

Alessandro Bertante, "Re Nudo", NdA Press, 2005, pp. 176, 13 euro

Roberto Biorcio, Ida Farè, Maria Grazia Longoni (a cura di), "Massimo Gorla: un gentiluomo comunista", Sinnos editore, 13 euro

Giorgio Bouchard e Aldo Visco Gilardi, "Un Evangelico nel lager. Fede e impegno civile nella vita di Ferdinando e Mariuccia Visco Gilardi", con prefazione di Mario Miegge e una conversazione con Giorgio Spini, Claudiana, Torino, 2005

Carlo Capuano, “L'ultima notte di Bartolomeo Vanzetti”, Nonluoghi libere edizioni, 2005, pagine 48, 4,50 euro

Antonio Cardella  Ludovico Fenech, "Anni senza tregua. Per una storia della federazione Anarchica Italiana dal 1970 al 1980", Edizioni Zero in Condotta, pp. 354, 25 euro

Luigi Carletti, "Alla larga dai comunisti", Baldini Castoldi Dalai editore, pp. 380, Euro 15

Pino Casamassima, "Donne di piombo. Undici vite nella lotta armata", Bevivino editore

Silvia Casilio,  “Il cielo è caduto sulla terra”. Politica e violenza politica nell’estrema sinistra in Italia (1974-1978), Roma, Edizioni Associate, 2005, pp. 413, euro 18,00

Giovanni Consani, “Foto di gruppo da Piazza Fontana”, Melampo, 2005, pp. 192, 14 euro

Martin Duberman, "Haynarket, Chicago", Edizioni Spartaco, 2005

Luisa Di Gaetano, "Montevideo - Stoccolma" A/R, Editrice Filef, pp. 99

Dino Erba, “Ottobre 1917 – Wall Street 1929. La sinistra comunista italiana tra belscevismo e radicalismo: la tendenza di Michelangelo Pappalardi”, Edizioni Colibrì, 2005, pp. 102, 10 euro

Francesca Fabeni, "Bolivia 1952. Una rivoluzione senza socialismo", Prospettiva edizioni, pp. 149, Euro 14,92

Giancarlo Feliziani, “Colpirne uno educarne cento. La storia di Guido Rossa”, Limina edizioni, 2005, Pagine 128, Euro 13.5

Gene Fellner, "Life of an Anarchist", Seven Stories Press, £10.99

Paolo Ferrero (a cura di), "Raniero Panzieri. Un uomo di frontiera", Coedizioni Edizioni Punto Rosso / Carta, pp. 300, 13 Euro

Eros Francescangeli, "L'incudine e il martello. Aspetti pubblici e privati del trockismo italiano tra antifascismo e antistalinismo (1929 - 1939), Morlacchi editore, pp. 375, 18 euro

Eros Francescangeli, "Questioni di forza. Studi e riflessioni sull'analisi di militarismo e fascismo e sull'azione antimilitarista e antifascista nel movimento operaio italiano", Morlacchi editore, pp. 94, 10 euro

Paolo Franchi – Ugo Intini, “Le parole di piombo. Walter Tobagi, la sinistra e gli anni del terrorismo”, Nuova editrice MondOperaio, 2005, 12 euro

Sara Galli, "Le tre sorelle Seidenfeld. Donne nell’emigrazione politica antifascista", Firenze, Giunti, 2005, pp. 311, euro 10.00

Fabio Galluccio, "Non potevi fare altrimenti. Valentina Monti Ferrarini, una vita per la democrazia", Nonluoghi, 2005, pp. 152, Euro 10,50

Luciano Garibaldi, "Com'erano rosse le mie brigate. Gli anni piombo visti da un giornalista "dalla aprte sbagliata", Nuove idee, 2005, pp. 148, 10 Euro

Diego Giachetti, "Nessuno ci può giudicare. Gli anni della rivolta al femminile", DeriveApprodi, 2005, pp. 218, 14,50 euro

Franco Giannantoni – Ibio Paolucci, “Giovanni Pesce "Visone" - un comunista che ha fatto l'Italia. L'emigrazione, la guerra di Spagna, Ventotene, i Gap, il dopoguerra (Togliatti, Terracini, Feltrinelli)”, edizioni Arterigere, 2005, pp. 352, con 53 foto, 14 euro

Agostino Giovagnoli, "Il caso Moro. Una tragedia repubblicana", il Mulino, 2005, pp. 382, 22 euro

Roberto Giulianelli (a cura di), “Luigi Fabbri. Studi e documenti sull’anarchismo tra Otto e Novecento”, Bfs, 2005, pp. 211, 20 euro

Aldo Grandi, "Insurrezione armata", Rizzoli, 2005, pp. 440, 9,50 euro

Guidelli Giorgio, “Operazione Peci. Storia di un sequestro mediatico”, Edizioni Quattroventi, 2005, pp. 84, 9 Euro

Rino Gualtieri, "Per quel sogno di un mondo nuovo. I brevi anni di un anarchico lombardo", Milano, Euzelia, 2005

Nancy Huston, "Tre volte settembre", Editrice Pisani, 14 euro

Robert Hunter, "The Greenpeace to Amchitka", Arsenal Pulp Press £13.99

M. Ilari, "La giustizia di Franco, la repressione franchista ed il movimento libertario spagnolo 1939 - 1951", Centro studi libertari "Camillo Di Sciullo", pp 200, 12 euro

Maria Ioffe, "Una lunga notte. Memorie di rivoluzionari contro Stalin, Prospettiva edizioni, 2005, pp. 272, 22 euro

Simon Leys, "Immagini infrante. Saggi sulla Cina", Irradiazioni, pp. 176, 15 euro

David Lynch, "Radical politics in modern Ireland", Irish Academic Press, £ 30

"La Resistenza contesa. Memorie e rappresentazioni dell’antifascismo nei manifesti politici degli anni settanta", a cura di Diego Melegari e Ilaria La Fata, Milano, Archivio “Marco Pezzi”-Punto Rosso, 2005, pp. 128, euro 12.00

Carlo Longhini, “Da Montanara a Montanara. Cesare Roda “Bruno” dall’antifascismo alla Repubblica nell’Europa del Novecento”, Teti, 2005, pp. 309, 18 euro

Mickey Z, "50 American Revolutions You're Not Supposed to Know", Disinformation, 2005, £6.99

Pietro Mita, "Lo zingaro e il comunista", Punto Rosso, 2005, pp. 160, 10 euro

Giancarlo Monina, "Il Movimento di unità proletaria (1943 - 1945)", Carocci, 2005, 19 euro

Valerio Morucci, "La peggio gioventù", Rizzoli, pp. 360, 17 euro

 Reggie Nadelson, "Comrade Rockstar", Arrow £7.99

a cura di "Nuova Unità", "E' ancora resistenza. Raccolta di alcuni interventi del compagno Angiolo Gracci "Gracco" ad un anno dalla sua scomparsa", Edizioni Antinebbia, pp. 184, 8 euro

Givanni Orsina – Gaetano Quagliarello (a cura di), “La crisi del sistema politico italiano e il sessantotto”, Rubbettino, 2005, pp. 560, 28 euro

George Orwell, “Ricordi della guerra di Spagna”, Datanews, 2005

Enrico Palandri, "Pier. Tondelli e la sua generazione", Laterza

Pietro Pastena, "Breve storia del pacifismo in Italia", Bonanno, Acireale-Roma, 2005, pp. 200, euro 18

Paolo Persichetti, "Esilio e castigo", La città del sole, pp. 240

Paolo Piano, "22 Ottobre. Un progetto di lotta armata a Genova (1969 - 1971)", Annexia edizioni

E Puglielli, "Luigi Meta, vita e scritti di un libertario abruzzese", Centro studi libertari "Camillo Di Sciullo", pp. 192, 12 euro

Andrea Rapini, "Antifascismo e cittadinanza. Giovani, identità e memorie nell’Italia repubblicana", Bologna, Bononia University Press, 2005, pp. 246, euro 19.00

Associazione di amicizia e solidarietà Italia - Nicaragua, "Que linda Nicaragua!", Fratelli Frilli Editori, 2005, pp. 348 €. 17,50

Roseselvagge, "Auro story. Centro sociale/autogestito - sgomberato/rioccupato", Edizioni Sicilia Punto L, pp. 220, 10 euro

"Resistenza60", (a cura di Sergio Rotino), Fernandel, 2005, 12 euro

Egar Rodrigues, "Santos, the Barcelona of Brasil. anachism and class struggle in a port city", Kate Sharpley Library, 2005

Kristin Ross, "May ’68 and its afterlives", Chicago Press, 2002; ed. francese "Mai 68 et ses vies ultérieures", Editions Complexe, 2005, pp. 250, euro 19,50

Giorgio Sacchetti, "Senza frontiere. Pensiero ed azione dell'anarchico Umberto Marzocchi (1900  1986)", edizioni Zero in condotta, 2006, pp. 540 + 16 di foto, 24 euro

Anna Scattigno - Teresa Bertilotti (a cura di), "Il femminismo negli anni Settanta", Viella, 2005

Sergio Segio, "Miccia corta. Una storia di Prima linea", DeriveApprodi

Paola Staccioli (a cura di), "Piazza bella piazza", pp. 223

Ivano Tagliaferri, “Il colonnello anarchico. Emilio Canzi e la guerra civile spagnola”, Piacenza, Scritture, 2005

Giuseppe Tamburrano, “Giacomo Matteotti. Storia di un doppio assassinio", Utet

Tiziano Tarli, "Beat italiano. Dai capelloni a Bandiera gialla", Castelvecchi, pp. 224

Antonio Tellez Solà, "Sabatè. La guerriglia urbana in Spagna 1945 - 1960", Edizioni La Fiaccola, pp. 304 + XVI ill., 20 euro

Concetto Vecchio, "Vietato obbedire", Rizzoli, pp. 264, 8,50 euro

Teresa Vergalli, “Storia di una staffetta partigiana”, Editori riuniti, 2005, pp. 301, 15 euro
 
 

RIVISTE

COLLEGAMENTI WOBBLY

Il N. 7/2005 contiene le recensioni dei seguenti libri:

- Franklin Rosemont, "Joe Hill. L'Iww e la creazione di una controcultura del proletariato rivoluzionario", Chicago, Charles H. Kerr, 2003 (recensione di Loren Goldner)
- Filippo Manganaro, "Senza patto nè legge. Antagonismo operaio negli Stati Uniti, Odradek, 2004 (recensione di Renzo Magneco)
- Armando Cossutta, "Una storia comunista", Rizzoli, 2004, pp. 284 (recensione di Lucia Badedas)
- Fulvio Abbate, "Il ministro anarchico. Juan Garcia Oliver, un eroe della rivoluzione spagnola", Baldini Castoldi Dalai, 2004, pp. 179, 13 Euro (recensione di Renzo Magneco)
- Matha A. Ackelsberg, "Mujeres libres. L'attualità della lotta delle donne anarchiche nella rivoluzione spagnola", Zero in condotta, 2005, pp. 328 + 16 di foto (recensione di Cosimo Scarinzi)

Il N. 8/2005 contiene l’articolo “Vittorio Vidali, Tina Modotti, lo stalinismo e la rivoluzione”, di Claudio Albertani

Il N. 8/2005 contiene l’articolo "Gli anarchici e la lotta per la casa (Milano 1976 - 1984)", di Mauro De Agostini

Il N. 8/2005 contiene l’articolo "In attesa di una storia. Episodi del '77 a Torino", di Diego Giachetti

Il N. 8/2005 contiene l’articolo "Verso il settantesimo anniversario della morte di Camillo Berneri", di Claudio Strambi
 

DALLA PARTE DEL TORTO

Il N. 29/2005 contiene l'articolo "L'immaginazione proletaria di Danilo Montaldi", di Ennio Abate

Il N. 30/2005 contiene due articoli su Raniero Panzieri, di Pino Ferraris e Attilio Mangano

ERRE

Il N. 12 di febbraio 2005 contiene gli articoli "Una rosa all'occhiello", di Lidia Cirillo, e "Io ero, io sono, io sarò", di Rina Gagliardi

Il N. 14 di giugno/luglio 2005 contiene l'articolo "anni settanta: riflessioni su un processo incompiuto", di Franco Turigliatto

ERRE

Il N. 16/2005 contiene l’articolo “I trotskisti italiani prima della seconda guerra mondiale”, di Diego Giachetti

ITALIA CONTEMPORANEA

Il N. 238 di marzo 2005 contiene due relazioni al convegno “I due bienni rossi del Novecento” (Firenze, 2003): Diego Giachetti, “Me ciami Brambilla e  fu l’uperai. Culture e atteggiamenti dei giovani operai negli anni delle rivolte”, e Fabrizio Loreto, “Il sindacalismo confederale nei due bienni rossi”.

LIBERAZIONE

Il numero del 26 febbraio 2005 contiene l'articolo "Non ci pentiamo di essere bipartisan", di Haidi Giuliani e Francesco "Baro" Barilli

Il numero del 9 maggio 2005 contiene l'articolo "Storia del partigiano Alimiro, resistente in Val d'Aosta", di Maria R. Calderoni

Il numero del 5 giugno 2005 contiene l'articolo "Rai 1 inneggia ad Almirante, io mi ricordo quando ci aggredì", di Franco Russo

Il numero del 10 luglio 2005 contiene l'articolo "My Lai. I bravi ragazzi si trasformano in massacratori", di Maria R. Calderoni

Il numero dell'11 agosto 2005 contiene l'articolo "Brucia ragazzo brucia": 40 anni fa saltò il ghetto, spuntarono le Pantere, di Massimo Cavallini

IL MANIFESTO

Il numero del 14 luglio 2005 contiene l'articolo "La lezione di Raniero Panzieri", di Pino Ferraris

Il numero del 12 agosto 2005 contiene l'articolo E allora «burn, baby, burn», di Andrea Rocco

LA NONVIOLENZA IN CAMMINO

"Andrea Caffi (1887-1955) e l'attualità del socialismo libertario", di Giampiero Landi (relazione al convegno su Andra Caffi
svoltosi a Bologna nel 1996), da "La nonviolenza in cammino", N. 999, 22 luglio 2005, bollettino telematico che ha ripreso la relazione di Giampiero Landi dal sito www.nonluoghi.it)

"La lezione di Andrea Caffi", di Gino Bianco, da "La nonviolenza in cammino", N. 999, 22 luglio 2005, bollettino telematico che ha ripreso dal sito www.unacitta.it  l'introduzione di Gino Bianco alla raccolta di saggi di Andrea Caffi, "Critica della violenza", Edizioni e/o, Roma 1995

IL PONTE

Il numero di ottobre 2005 contiene l'articolo "Buongiono notte. Perchè all'utopia seguì il disincanto" di Antonio Tricomi

PROMETEO

Il N. 12/2005 contiene l’articolo "Cento anni fa nascevano gli Iww. Luci ed ombre di una eroica organizzazione proletaria”, di Damiano Signorini

SICILIA LIBERTARIA

Il N. 239 di aprile 2005 contiene l'articolo "La prima volta del primo maggio in Sicilia. Palermo 1890: storie di ordinaria ribellione", di Natale Musarra

SOCIALIST REVIEW

Il numero di gennaio 2005 contiene l'articolo "A hundred years ago the Industrial Workers of the World was formed and US bosses trembled", di Mike Davis

SOLIDARIETA’

Il N. 4 del 26 settembre 2005 contiene l’articolo “L’anno che venne prima del ‘68”, di Francesco Prezzi

LO STRANIERO

Il numero di maggio 2005 contiene l'articolo di Silvia Dai Pra’ "Lo sterminato romanzo degli anni settanta"

UMANITA' NOVA

Il N. 8 del 6 marzo 2005 contiene l'articolo "Le donne nella resistenza. Ribelli due volte"

Il N. 85 del 17 aprile 2005 contiene l'articolo "Insuscettibili di ravvedimento. Gli anarchici contro il fascismo 1923 - 1942"

Il N. 29 del 18 settembre 2005 contiene l'articolo "Facemmo un '68. La stagione dei furori", di Antonio Cardella e Ludovico Fenech

Il N. 30 del 25 settembre 2005 contiene l'articolo di Massimo Ortalli "FAI: i nostri primi 60 anni. Tra memoria e futuro"
 
 

CONVEGNI

Due convegni su Rosa Luxemburg, di Anna Picciolini, dal sito de "Il paese delle donne" (www.womenews.net)
Nel mese di dicembre 2004 a Napoli e a Firenze si sono svolti due convegni dedicati a Rosa Luxemburg, organizzati rispettivamente dal Forum delle donne del Prc insieme alla Convenzione permanente di donne contro le guerre, e
dall'Associazione Rosa Luxemburg.
______________________________________________________________________________________________

Reggio Emilia, 28 maggio 2005, Convegno di studi "Camillo Berneri Singolare plurale"
______________________________________________________________________________________________

Settembre 1945 - Settembre 2005
FAI - Federazione Anarchica Italiana
60 anni di lotte libertarie
convegno di studi storici

Reggio Emilia, domenica 18 settembre 2005, ore 10,30
presso Centro Sociale "Rosta Nuova", via Medaglie d'oro della Resistenza

La FAI Reggiana e il Gruppo Comunista Libertario "Fratelli Cervi" - Val d'Enza (RE) organizzano per domenica 18 settembre un convegno storico sui primi 60 anni della Federazione Anarchica Italiana, all'interno di un programma di iniziative per il 60° anniversario che ha già visto a livello nazionale il primo appuntamento a Carrara, e si concluderà in dicembre a Milano.

Con il Congresso di Carrara del settembre del 1945 gruppi e federazioni di tutta Italia fondavano la FAI, ma questa non era che una  tappa di un percorso che è partito da molto lontano. Da quando nel 1872 a Rimini Cafiero, Malatesta e Costa fondavano la sezione italiana della Associazione Internazionale dei Lavoratori, ispirata alle idee della corrente antautoritaria della Prima Internazionale, in contrapposizione al centralismo e autoritarismo della componente marxista. Sezione italiana che di lì a pochi anni avrebbe adottato ufficialmente i principi del comunismo anarchico. Un percorso che ha trovato un'altra tappa importante nel Bienno Rosso, quando si costituì l'Unione Anarchica Italiana con il congresso di Bologna del 1920, dove furono adottati il Programma Anarchico scritto da Malatesta e il Patto Associativo stilato da Fabbri. Svanito il sogno rivoluzionario, soffocate nel sangue dalla reazione fascista le speranze del movimento operaio, per tutta la durata della dittatura mussoliniana gli anarchici sono rimasti in prima fila nella lotta senza quartiere al regime, nell'esilio come nella cospirazione, in Spagna come nella Resistenza. Alla fine di quest'ultima, l'intento della FAI del Dopoguerra è proprio quello di proporsi come continuazione della UAI. Gli anarchici hanno continuato, in questi decenni, a battersi per un progetto di trasformazione sociale libertaria ed egualitaria, al di fuori della logica dei due blocchi, al di fuori di elettoralismi e burocrazie, partecipando alle lotte sociali, antimilitariste, ambientaliste, sindacali, degli anni 60 e 70, e continuando a restare attivi ed organizzati fino ad oggi, quando i
principali sforzi si concentrano sulle lotte autogestionarie, sindacali e contro la guerra, ma anche nelle conservazione e divulgazione del nostro straordinario e misconosciuto patrimonio storico.

PROGRAMMA:

Mattino: profili storici di importanti militanti della FAI del dopoguerra: Mario Mantovani (relatore Massimo Ortalli), Alfonso Failla (Paolo Finzi), Umberto Marzocchi (Giorgio Sacchetti)
Pausa pranzo
Pomeriggio: interventi di Gigi di Lembo ("Dalla UAI all'esperienza spagnola"), Marco Rossi ("Dall'antifascismo alla Resistenza"), Italino Rossi ("Dalla costituzione della FAI al 1965"), Franco Schirone ("Gli anarchici nel '68"), Antonio Cardella ("La FAI negli anni 70 e 80"), Massimo Varengo ("L'attualità della FAI").
Cena e canti libertari

Per informazioni:
berneri_re@yahoo.com
338.5865423
_____________________________________________________________________________________________

11 - 12 novembre 2005, Fabriano (AN), presso il Teatro Gentile, convegno internazionale di studi:

"Luigi Fabbri, vita e idee di un intellettuale anarchico e antifascista (Fabriano 1877 - Montevideo 1935)

organizzano: Comune di Fabriano, Provincia di Ancona, Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche, Biblioteca Franco Serantini, Libercoop

info: 050-570995

IL MAESTRO INFEDELE AL DUCE
Un convegno internazionale su Luigi Fabbri libertario e antifascista intransigente

Venerdì 11 (ore 15,30-19) e sabato 12 novembre (ore 9,30-13 e 15,30-18,30) si terrà presso il Teatro Gentile di Fabriano il Convegno internazionale di studi “Luigi Fabbri. Vita e idee di un intellettuale anarchico e antifascista (Fabriano 1877-Montevideo 1935)”. Vi prenderanno parte i maggiori esperti italiani ed esteri del settore, che si confronteranno su questa stimolante figura del movimento operaio italiano, a settantanni dalla sua scomparsa.
Originario della cittadina marchigiana, Fabbri fu uno dei principali esponenti dell’anarchismo italiano del primo Novecento. Per quasi tutta la vita collaborò strettamente con Errico Malatesta. Le sue notevoli doti di organizzatore e di promotore culturale gli permisero di dar vita a giornali e riviste di grande rilievo, fra cui si possono ricordare “Il Pensiero” (Roma, 1903-1911), “Pensiero e Volontà” (Roma, 1924-1926) e “Studi Sociali” (Montevideo, 1930-1946). Fece parte della redazione di molti dei principali fogli libertari e la sua firma comparve sulle colonne di numerose altre testate italiane e straniere del tempo.
Ostile al settarismo e alla violenza individuale, anche qualora usata per obiettivi rivoluzionari, si aprì al dialogo con gli altri partiti della sinistra, stringendo relazioni amichevoli con vari loro leader. Restò sempre fedele alla scelta antimilitarista e si dichiarò contrario all’ingresso dell’Italia nella Prima guerra mondiale. A Fabriano – dove tornò a risiedere nel 1913-1915 dopo avere vissuto a Recanati, Roma, Jesi e nel Bolognese – si contò fra i protagonisti della Settimana rossa: ricercato, all’indomani dei moti si vide costretto a riparare in Svizzera, dalla quale poté fare rientro solo alcuni mesi più tardi.
Pungenti furono le sue critiche tanto al governo bolscevico insediatosi con la Rivoluzione d’Ottobre, quanto al fascismo, di cui comprese la vera natura e l’alto potenziale distruttivo con anticipo rispetto alla maggior parte degli osservatori coevi. Nel 1926 – uno dei due soli maestri a farlo in tutto il paese – rifiutò di prestare giuramento al regime e per questo perse il lavoro e dovette emigrare in Francia, dove entrò in relazione con i massimi esponenti del fuoruscitismo antifascista, fra cui Gaetano Salvemini, Pietro Nenni, Sandro Pertini e Carlo Rosselli. Nel 1929, espulso dal governo parigino a causa della sua attività politica, si imbarcò per l’Uruguay, accompagnato dalla moglie e dalla figlia Luce, che ne avrebbe ricalcato le orme nell’insegnamento (divenne docente nell’Università di Montevideo) e in seno all’anarchismo.
Fabbri non riuscì a tornare in Italia. Si spense nella capitale uruguayana nel 1935.

______________________________________________________________________________________________

Alla riscoperta di Elisée Reclus

Dal 7 all'11 settembre a Lione e il 12 e 13 ottobre a Milano
Università Bicocca - Facoltà di scienze della formazione

Convegno internazionale: Elisée Reclus: natura ed educazione

Mercoledì 12 ottobre: Marcella Schmidt di Friedberg, Susanna Mantovani, Philippe Pelletier, Franco Farinelli, John P. Clark, Giuseppe Campione, Ronald Creagh, Giampietro Berti, Vincenzo Guarrasi, Emanuela Casti, Teresa Vicente.
Giovedì 13 ottobre: Elena Dell'Agnese, Raffaele Mantegazza, Fabrizio Eva, Francesco Codello
In collaborazione con il Centro studi libertari di Milano

Per informazioni:

Telefono: 02-2846923, email: info@centrostudilibertari.it

Il 2005 è il centenario della morte di Elisée Reclus, geografo e attivista anarchico. Per molto tempo il suo approccio antropologico e non statalista in geografia è stato dimenticato, censurato o sottovalutato con uno sbrigativo giudizio di "superficialità" o "mancanza di metodo". Eppure oggi, in questo mondo così globalizzato, appare attualissima l'affermazione del geografo tedesco Carl Ritter (suo maestro) da lui ripresa nella sua più famosa fatica editoriale (Nouvelle Géographie Universelle): "la Terra è ormai senza limiti, poiché sulla superficie planetaria il centro è ovunque e la circonferenza in nessun luogo". Ricompare il suo nome e si discute del suo essere geografo. A Città del Messico, in gennaio, durante la quarta conferenza internazionale di Critical geography una sessione è stata dedicata solo a lui. Il prossimo settembre a Lione (dal 7 all'11) e in ottobre a Milano (12 e 13) si terranno due convegni internazionali che intendono rivisitare l'approccio geografico di Reclus e verificarne l'attualità non solo sul piano teorico, ma mettendo il suo pensiero "alla prova" delle dinamiche territoriali e geopolitiche attuali.

______________________________________________________________________________________________

Nella “settimana degli archivi” il Centro Studi “Archivio sessantotto” (Firenze) propone tre incontri:

- dal 16 al 23 ottobre 2005 (dalle 15,30 alle 19,30) presso il centro “Elsa Morante”, via Giampaolo Orsini 44 una mostra di manifesti, volantini e opuscoli, 1966 – 1980 sul tema “La comunicazione nella stagione dei movimenti”.
- il 20 ottobre alle ore 21 in Borgo Pinti 42/R, in collaborazione con l’associazione socioculturale DEA e con l’archivio fotovideo Deapress, proiezione del video “Dal 68 in poi”. Nella stessa sede sarà esposta una mostra fotografica sul 68.
- Il 21 ottobre presso la sede del centro “Elsa Morante”, alle ore 21, sarà proiettato il documentario “Donne, uomini e bambini in guerra”, introdurrà A. Dadà, dell’Università di Firenze.
______________________________________________________________________________________________