Home

Statuto

Consiglio direttivo

Inaugurazione

Attività

Il Farinelli a Bologna

Mostra

La tomba del Farinelli

Programma centenario

Farinelli e gli evirati cantori

Come associarsi

English

 

Testamento di Carlo Broschi Farinelli

CENTRO STUDI FARINELLI


NASCE A BOLOGNA IL CENTRO STUDI FARINELLI Musica a Bologna, Musicisti a Bologna

Inaugurazione Centro Studi Farinelli
Il 21 marzo 1998 è stato inaugurato presso l’Accademia Filarmonica di Bologna il Centro Studi Farinelli, con un incontro di studio dedicato al “Farinelli e alla cultura musicale del Settecento” e un concerto di “Arie di Farinelli” interpretate dal sopranista Angelo Manzotti accompagnato dalla clavicembalista Maria Pia Jacoboni.
Il nome di Carlo Broschi detto il Farinelli, celebre cantante castrato del Settecento europeo, e' indissolubilmente legato alla citta' di Bologna. Accademico Filarmonico nel 1730 e cittadino onorario di Bologna nel 1732, il Farinelli acquisto' in quello stesso anno un podere fuori porta Lame, sul quale fece erigere una magnifica villa, in cui abito' dal 1761 al 1782, anno della sua morte. Nella sua villa, il Farinelli raccolse una collezione straordinaria di opere d'arte e una biblioteca musicale di migliaia di volumi, paragonabile per valore a quella di Padre Martini. Dopo la morte del Farinelli, gli immensi tesori custoditi nella villa furono venduti ed ora si trovano esposti nei maggiori musei del mondo. La biblioteca musicale purtroppo e' andata completamente perduta. La magnifica villa, divenuta all'inizio del XX secolo sede dello zuccherificio, fu inopinatamente demolita dopo la seconda guerra mondiale, nonostante esistesse un vincolo della Soprintendenza dei Beni architettonici; sono questi alcuni dei motivi per cui il Reale Collegio di Spagna, l'Accademia Filarmonica di Bologna e  l'Associazione Clavicembalistica Bolognese hanno promosso l'istituzione di un Centro Studi Farinelli a Bologna. Fra i progetti del Centro, oltre alla organizzazione di concerti e di incontri di studio e la promozione di pubblicazioni, figurano il restauro della tomba del Farinelli alla Certosa di Bologna, oggi in stato di grave degrado, l’allestimento di una mostra di documenti su "Farinelli a Bologna", con esposizione di stampe, disegni, fotografie, manoscritti musicali e lettere autografe, un concorso di canto "Farinelli" rivolto a sopranisti, contraltisti e controtenori.
Al convegno di apertura, la mattina del 21 marzo, hanno partecipato il musicologo Roberto Pagano, che ha presieduto il lavori, Lorenzo Bianconi dell’Università di Bologna (Il fantasma del Farinelli), il musicologo Carlo Vitali (Il Farinelli cittadino bolognese), Francesca Boris dell’Archivio di Stato di Bologna (La villa scomparsa), la clavicembalista Maria Jacoboni che ha presentato la raccolta “Arie di Farinelli” da lei curata per l’editore Bongiovanni, Luigi Verdi dell’Accademia Filarmonica, promotore dell’iniziativa del Centro Studi (Il cippo del Farinelli alla Certosa di Bologna), Marco Marchesini dell’Associazione Scuola di Scultura Applicata di Bologna (Il restauro del Cippo del Farinelli) e il Rettore del Reale Collegio di Spagna José Guillermo GarcÍa Valdecasas. Gli intervenuti all’interessante convegno, seguito da un pubblico particolarmente attento, hanno messo in evidenza come la creazione di un Centro Farinelli a Bologna sia oggi motivato dalla necessità di riportare alla luce un immenso patrimonio storico ancora poco conosciuto e poco studiato.
Il concerto del pomeriggio, seguito all’Accademia Filarmonica da un pubblico straripante, ha concluso la giornata, decretando il successo di Angelo Manzotti, considerato oggi uno dei maggiori interpreti del repertorio farinelliano.

Laura di Cera
da "Alla Ribalta", aprile 1998

 

 

 

 

 

 

Webmaster: Luigi Verdi