Cosa devono fare i domiciliati


I domiciliati iscritti allo schedario della popolazione temporanea sono pienamente equiparati - per il periodo della iscrizione - ai residenti (per cui si rimanda alla sezione dedicata).

I domiciliati non iscritti allo schedario, possono accedere con ciclomotori o motoveicoli, ed usufruiscono, come i residenti, della possibilità di far accedere ospiti ed accompagnatori dalle 20 alle 7.

Devono presentarsi agli sportelli Tper con la documentazione idonea a documentare la loro situazione: il titolare dell'appartamento dovrà produrre copia del rogito (se proprietario), del contratto di affitto registrato (se affittuario), del contratto di comodato registrato (se comodatario) nel quale sia esplicitato l'uso abitativo dell'appartamento presso il quale si è elevato domicilio.

Nel caso in cui il titolare dell'appartamento sia un familiare non abitante nell'immobile, occorre la presentazione di copia del rogito o del contratto d'affitto registrato e una dichiarazione, resa dal titolare dell'immobile, di utilizzo dello stesso da parte di un familiare.

Tra familiari è ammessa la presentazione di contratto di comodato gratuito non registrato. Nel caso di più persone coabitanti nello stesso appartamento, il titolare dell'immobile deve produrre copia della scheda di notificazione presentata alla Questura ai sensi delle leggi vigenti per le persone coabitanti. L'autorizzazione è legata al permanere del domicilio ed avrà validità massima di un anno, e potrà essere rinnovata previa presentazione di nuova richiesta documentata.

Una volta effettuata l'iscrizione di cui al punto precedente:

  1. possono richiedere l'inserimento delle proprie moto. L'autorizzazione vale dalle 0 alle 24 solo per motoveicoli e ciclomotori. Non possono essere autorizzati autoveicoli.
  2. possono richiedere il codice per far accedere ospiti ed accompagnatori (confrontare sezione residenti per i dettagli)

Dove rivolgersi

Sportello contrassegni Tper

Competenze

Ultimo aggiornamento: lunedì 26 settembre 2016