Servizi e Sportelli Sociali

Consulte ed organismi di rappresentanza dei Cittadini Stranieri

Nella scheda sono illustrate le caratteristiche degli organismi, costituiti a livello territoriale, di aggregazione, espressione e partecipazione alla vita pubblica locale dei cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea e degli apolidi residenti nel territorio. Questi oragnismi esercitano funzioni di consultazione e di proposta in materia di politiche di accoglienza ed integrazione degli stranieri nel territorio.

- Consiglio dei cittadini stranieri ed apolidi della provincia di Bologna
Il Consiglio partecipa alla formazione delle politiche dell'Amministrazione provinciale, con funzioni consultive e propositive.
Può esprimere pareri e proposte su tutte le materie di competenza del Consiglio Provinciale.
Il parere è obbligatorio sulle proposte di bilancio preventivo e sulle spese riguardanti le politiche di accoglienza ed integrazione degli stranieri.
Il Presidente eletto all'interno del Consiglio degli stranieri partecipa, anche attraverso propri delegati, a tutte le sedute del Consiglio Provinciale, delle Commissioni Consiliari, della Conferenza metropolitana dell'Area bolognese.
Il Consiglio, inoltre, elegge nel proprio seno, tra gli eletti all'interno del Collegio elettorale n. 2, un proprio rappresentante ed il suo sostituto presso l'Assemblea del Nuovo Circondario Imolese.

Per informazioni:
Consiglio dei cittadini stranieri e apolidi della Provincia di Bologna
Via Zamboni, 13 - 40126 Bologna
Telefono: 051 659 9296 - Fax: 051 659 8675
Email: consiglio.stranieri@cittametropolitana.bo.it


-
Consulta Regionale per l'integrazione sociale dei cittadini stranieri

La Consulta regionale per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri è un organo consultivo istituito con la legge regionale 5/2004.

Il suo compito è quello di coordinare gli interventi per l’immigrazione di cui si avvale la Giunta Regionale anche in raccordo con i Consigli territoriali per l’immigrazione (Decreto legislativo n. 286/1998).
In particolare, tra le funzioni principali della Consulta, sono previste le attività di proposta alla Giunta regionale nella formulazione del programma triennale per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati, le attività di supporto alla osservazione del fenomeno migratorio, la funzione di supporto alla attività di stima dei fabbisogni lavorativi e di indicazione annuale delle quote di ingresso necessarie, un ruolo di proposta e osservazione costante in ordine alle iniziative e agli interventi regionali previsti dalla legge regionale ed un ruolo consultivo generale su ogni argomento in materia di immigrazione.

Per informazioni:
Regione Emilia-Romagna - Servizio politiche per l´accoglienza e l´integrazione sociale
Tel. 051/5277485 - Fax 051/5277074 - segrspa@regione.emilia-romagna.it

 

Categorie di Utenza

  • Immigrati

Normativa di riferimento

- Regolamento delle consulte di Quartiere dei Cittadini Stranieri. PG. n. 63759/2007
- Delibera di Consiglio Provinciale di Bologna n. 39/2007 di approvazione del Regolamento del Consiglio degli stranieri
- L. R. 5/2004 istitutiva della Consulta regionale per l´integrazione sociale dei cittadini stranieri.
Deliberazione regionale n. 224/2005 "Modalità di funzionamento della consulta regionale per l´integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati di cui agli artt. 6 e 7 della LR 5/2004"