I nostri servizi di Newsletter

@ scarica il depliant
@ Newsletter sportelli sociali: iscriviti
scarica l'ultimo numero (30, settembre 2014)
@ Newsletter Disabilità:
iscriviti
scarica l'ultimo numero (131, ottobre 2014)
e il supplemento bibliografico (12, agosto 2014)
@ Newsletter InfoDoc (inform.ne e document.ne sociale): iscriviti
scarica l'ultimo numero (6/7, giugno/settembre 2014)
@ Leggi le news dello sportello anche su TwitterFacebook


SPORTELLI SOCIALI IN EMILIA ROMAGNA. 203MILA ACCESSI NEL 2013 NEI 290 SPORTELLI ATTIVI
La Regione E.Romagna ha pubblicato i dati relativi al "Flusso IASS", ovvero riferiti al sistema informativo che registra le attività svolte dai 290 sportelli sociali attivi in regione (7 nel Comune di Bologna e 61 in totale in provincia).
Nel 2013 i contatti (ogni volta che qualcuno si è rivolto allo sportello) sono stati oltre 203mila (+32% rispetto al 2012), riferiti a 109 mila persone che manifestavano una qualche necessità/difficoltà, rivolgendosi direttamente allo sportello o per il tramite di famigliari/conoscenti/associazioni. I 203mila contatti hanno determinato complessivamente oltre 233mila domande.
Su 203mila contatti sono stati 75mila quelli riferiti alla provincia e oltre 23mila quelli nel Comune di Bologna
[clicca su vedi e leggi tutto]

 

Per punti e sinteticamente segnaliamo alcuni dati
- Genere: i dati segnalano una lievissima prevalenza di donne (+3%) che si rivolgono allo sportello
- Nazionalità ed età: 66% italiani e 34% stranieri. Gli italiani sono presenti in tutte le fascie di età, mentre gli stranieri sono in larga misura di età più giovane (il 97% ha meno di 60 anni)
- Frequenza di contatto: a livello regionale si registrano un po' meno di 2 contatti/anno per ogni persona interessata. In E.Romagna 3 persone ogni 100 abitanti nel 2013 si sono rivolte agli sportelli sociali
- Target di utenza: famiglie e minori 43,8%; anziani 27,7%; povertà e disagio adulto 19,3%); immigrati 5,4%; disabili 3,8% (il report regionale contiene anche i target giovani e dipendenze ma con numeri estremamente residuali)
- Bisogni espressi: sostegno di tipo economico (33,3%), supporto alla persona/famiglie/rete sociale anche di tipo educativo e psicologico (25,1%), esigenze abitative (6,7%), sostegno e cura a domicilio (6,6%), servizi di supporto come mense e trasporto sociale (6,3%), ospitalità in strutture residenziali (3,3%)

Alcune precisazioni per una lettura corretta dei dati:
- Gli sportelli sociali hanno in regione competenza in settori diversificati a seguito delle scelte dei singoli distretti/comuni. In alcuni teritori si occupano solo di servizi sociali (come a Bologna), in altri anche di servizi per la casa, in altri ancora anche dei servizi scolastico educativi e questo influisce ovviamente sui numeri, ad esempio, dei target e dei bisogni (si pensi all'impatto dell'area famiglie e minori sui temi dei servizi educativo scolastici e di accesso alla casa)
- I numeri dei diversi target sono influenzati dalla presenza eventuale di altri sportelli informativi, pubblici o di altri soggetti come sindacati o terzo settore, i cui accessi non sono ricompresi nel flusso IASS. Si pensi agli sportelli CAAD o Informahandicap sulla disabilità (quasi tutti di EE.LL), gli sportelli sulla immigrazione di Sindacati e associazioni, i Centri per le famiglie (di EE.LL) e altri. Senza considerare ovviamente gli accessi on line di chi trova in eventuali siti degli sportelli le informazioni che cerca senza doversi recare allo sportello (ad esempio nel sito di quello di Bologna circa 18mila accessi al mese da parte di cittadini, associazioni, altri enti).
- Sui numeri relativi ai bisogni è ovvio che le cifre sono anche in relazione alla capacità di offerta di servizi dei territori a cui gli sportelli sono legati e alla capacità degli sportelli stessi di raccogliere, mettere a disposizione e divulgare informazioni su servizi, risorse, "idee" che sono presenti nel loro territorio e non appiattirsi solo in una capacità di risposta e/o orientamento legata all'offerta pubblica e orientata magari ad una prevalenza di interventi economici.
- L'aumento di contatti del 32% complessivo va letto probabilmente sia come un reale aumento di utenza ma anche come una migliore e continuativa capacità del sistema complessivo degli sportelli di registrare il dato nel sistema informatico, qualunque sia, ad esempio, la modalità di contatto (diretta allo sportello, telefono, e-mail, lettera...).

Scarica il rapporto della Regione
La Banca dati degli Sportelli sociali in E.Romagna

 

Notizie

  • Case Zanardi ha inaugurato i primi due Empori Solidali e lancia una campagna di crowdfunding.

    Venerdì 17 ottobre, in occasione della Giornata mondiale contro la…
    vedi

  • Legge di stabilità: calano i fondi per le politiche sociali e la non autosufficienza.

    Cifre piu' basse rispetto a quelle dello scorso anno per…
    vedi

  • Al via il secondo bando per contributi promozionali a sostegno del lavoro di cura delle assistenti famigliari.

    A partire dal 29 settembre e fino al 31 dicembre…
    vedi

  • Casa: 3,4 milioni di euro per aiutare famiglie in difficoltà.

    Buone notizie per le famiglie bolognesi che hanno difficoltà a…
    vedi

  • L’attuazione del Regolamento sull’amministrazione condivisa a Bologna.

    Donato Di Memmo (Responsabile Ufficio Promozione della cittadinanza attiva –…
    vedi

  • Assegno per il nucleo famigliare (3 figli minori) per cittadini di paesi terzi.

    A seguito della circolare INPS n.97 del 4 agosto scorso…
    vedi

  • Riparte il bonus acqua.

    Dopo la sospensione del 2013 e l'emanazione del nuovo regolamento…
    vedi

  • Aggiornato il Catalogo delle newsletter sociali italiane..

    La redazione degli sportelli sociali del Comune di Bologna ha…
    vedi

  • Nuovo Isee: moduli pronti, enti in ritardo. Partirà dal 2015.

    Nuovo Isee, ancora qualche mese di attesa. Il ministro Poletti…
    vedi

  • Convegni, corsi, conferenze sociali (ottobre 2014).

    Convegni, conferenze, corsi, seminari: gli appuntamenti utili per chi lavora…
    vedi

  • Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (novembre 2014).

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e…
    vedi

  • Rimozioni. Il giornalismo selettivo tra ipocrisia e necessità.

    A Capodarco (Ap) dal 28 al 30 novembre 2014 il…
    vedi

  • Bonus per il servizio di teleriscaldamento.

    Bonus sociale gas in favore di nuclei familiari economicamente svantaggiati…
    vedi

  • Povertà, il piano del non profit: 7 miliardi all’anno e tutti dallo Stato.

    Un Piano nazionale contro la povertà "pluriennale" e con "risorse…
    vedi

  • Invalidità. Neomaggiorenni e provvidenze economiche: semplificazioni.

    Come già segnalato il decreto legge 24 giugno 2014, n.…
    vedi