Incidente industriale

In via generale:

  • Evitare di avvicinarsi allo stabilimento e di sostare nei pressi dello stesso.
  • Rifugiarsi in ambienti chiusi o comunque in posizione schermata, in quanto, solitamente, non si ritiene possibile una evacuazione, ma è invece preferibile rifugiarsi al chiuso. Nel caso sia disposta dalle Autorità l’evacuazione, recarsi nei centri di raccolta previsti.
  • Abbandonare possibilmente gli scantinati, portandosi nella propria abitazione, per mezzo di percorso protetto, senza uscire allo scoperto.
  • Chiudere subito tutte le porte esterne, le finestre, le serrande delle canne fumarie e allontanarsi da vetrate e finestre.
  • Spegnere i sistemi di ventilazione, gli impianti di riscaldamento e di condizionamento e spegnere le fiamme libere.
  • Disattivare l'energia elettrica, evitando perciò manovre elettriche di qualsiasi tipo.
  • Non utilizzare ascensori.
  • Non accendere radio o televisori collegati alla rete elettrica, utilizzare apparecchi a pile.
  • Non fumare.
  • Staccare i telefoni e spegnere i cellulari.
  • Non accendere motori e non determinare inneschi che possono risultare pericolosi.
  • Prestare attenzione ai vari messaggi forniti con altoparlanti e altri mezzi da parte delle forze impegnate nei soccorsi.

In caso di rilascio di sostanze tossiche:

  • Rifugiarsi in ambienti chiusi.
  • Chiudere porte e finestre accuratamente, occludendo e sigillando ogni apertura nei locali anche con tessuti bagnati ed evitando quindi ogni interscambio di aria con l’esterno.
  • Rifugiarsi in ambienti chiusi.
  • Spegnere i sistemi di ventilazione.
  • Respirare attraverso un panno bagnato.

Dopo:

  • Porre attenzione nel riaccedere ai locali, in particolare a quelli interrati, per il pericolo di ristagno di vapori di GPL nel caso di incidente in stabilimenti con rischio di tale natura.
  • Non accendere la luce e non usare fiamme libere.
  • Aerare i locali.

Ultimo aggiornamento: giovedì 03 luglio 2014