Immagini

Zoom-in

PerCorsi di Memoria nel Quartiere Borgo Panigale-Reno

La toponomastica di un territorio rappresenta una mappa d’identità che documenta le diverse stratificazioni della storia: gli eventi e i protagonisti che si sono voluti tramandare. Passeggiando per le strade frequentemente ci si imbatte in una scritta, una lapide, un’insegna dedicata a luoghi o ad eventi che hanno segnato la nostra storia. Sono nomi che ricordano personaggi e luoghi del Risorgimento, della Prima Guerra Mondiale, della Resistenza, vittime del terrorismo e delle mafie.

Il Quartiere riunisce territori che conservano la loro storia e identità: Borgo Panigale, Santa Viola e Barca.

La zona di Borgo Panigale è un territorio che conserva ancora le tracce della sua origine di Comune (lo è stato fino al 1937). Con riferimento al periodo contemporaneo, a rammentare la storia di Borgo Panigale si trovano molti monumenti: in particolare quello presso il cimitero di Borgo Panigale dedicato alla Grande Guerra, che è costituito da due stele contrapposte all'ingresso del viale d'accesso e da una teoria di targhe in bronzo con i nomi dei caduti, a formare un vero e proprio Viale delle Rimembranze. Altro importante monumento è quello di Olmetola, si tratta di una stele commemorativa che riporta i nomi di 30 caduti della Prima Guerra Mondiale, quasi tutti di Borgo Panigale. Sono molti i luoghi dedicati alla Guerra di Liberazione, solo per citarne alcuni: Lapidi e Cippi che ricordano la Battaglia di Casteldebole e la 63 Brigata Garibaldi Bolero; la lapide e i monumenti dedicati alla Resistenza presso la piazzetta antistante la sede civica, in Via Marco Emilio Lepido n. 25/2.

Il territorio della zona Santa Viola è situato tra l’Asse Attrezzato Sud-Ovest, nelle adiacenze dei Prati di Caprara e il fiume Reno (Pontelungo). Storicamente era il punto di passaggio tra città e campagna.  A partire dal periodo della Prima Guerra Mondiale acquisterà, con sempre maggiore rilievo, una vocazione come sede produttiva; qui infatti  si insedieranno alcune tra le più importanti industrie della città, in particolare fonderie ed aziende meccaniche. Per questa ragione Santa Viola fu un territorio molto colpito dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale. In Via Agucchi una lapide ricorda il primo bombardamento sulla città.

La zona Barca nasce principalmente come luogo di residenze popolari realizzate tra la fine degli anni ‘50 ed i primi anni ’60 a seguito del Piano Urbanistico di Espansione del Comune di Bologna nella zona sud-ovest della città; accogliendo soprattutto i nuovi cittadini, provenienti in massima parte dall'Italia meridionale, che scelsero di vivere e lavorare a Bologna già dal primo dopoguerra.

In via della Barca, angolo Battindarno, sorse la cooperativa Case Popolari Belcantone, alcune lapidi ricordano Augusto Pulega, ucciso nel 1925 da squadristi fascisti e Andrea Costa, il grande politico anarchico e socialista del primo ‘900.

Il luogo più simbolico e importante del territorio è sicuramente il Cimitero Monumentale della Certosa, dove si possono visitare innumerevoli monumenti che riportano alla memoria i vari periodi storici. Si ricordano quelli dedicati ai Caduti Partigiani, ai Caduti della Grande Guerra e ai Martiri dell’Indipendenza. Sul muro di cinta all’entrata della Certosa sono apposte  anche lapidi che ricordano i tantissimi Rom e Sinti morti nei campi di sterminio nazisti ed i Partigiani caduti durante la Resistenza.

Nel Quartiere Borgo Panigale-Reno vi sono inoltre strade che ricordano alcune vittime della strage del 2 agosto 1980 come Natalia Agostini, Manuela Gallon e il Presidente dell'Associazione dei familiari Torquato Secci. Una terribile ferita alla città che dopo quasi 40 anni è ancora in attesa di giustizia e di una sentenza definitiva.

PerCorsi di Memoria è un progetto di Collaborare è Bologna a cura di Roberto Pasquali, Ass. A.I.P.I. in collaborazione con Quartiere Borgo Panigale-Reno, Scuole Secondarie Dozza, Zanotti e Volta, ANPI., ANPPIA, Istituto Storico Parri, Museo Civico del Risorgimento, Archivio Storico del Comune, Ass. OTTOmani.

 

Ultimo aggiornamento: martedì 10 aprile 2018