Rete civica Iperbole

Palazzo della Mercanzia: commercio e diritto sotto il portico

Passeggiando per l’antico centro storico di Bologna, prima d’imboccare Santo Stefano non si può fare a meno di notare l’imponente Palazzo della Mercanzia, ubicato nell’omonima piazza. Sede della Camera di Commercio dal 1797, in epoca precedente ospitava il Foro dei Mercanti, l’Universitas Mercatorum, dove esercitava il Tribunale Mercantile. Nelle sue stanze si regolavano tutte le dispute di natura economica che potevano sorgere in città e le sentenze venivano annunciate pubblicamente dal balcone della facciata principale.

Il palazzo fu costruito nel 1382 quando il Comune di Bologna decise di dare una sede al Foro dei Mercanti e affidò il progetto del palazzo agli architetti Lorenzo da Bagnomarino e Antonio di Vincenzo, quest'ultimo noto per aver disegnato la Basilica di San Petronio. I lavori terminarono nel 1391, ma la sua struttura architettonica subirà poi diverse mutazioni attraverso i secoli.

Il Palazzo della Mercanzia presenta nel complesso un eclettismo stilistico caratterizzato dalla compresenza di stilemi romanico-lombardi - la serie di archetti pensili che sottendono gli stemmi delle Compagnie delle Arti - gotici - il balcone con baldacchino - e classico-naturalistici - i capitelli decorati con elementi floreali. La facciata principale presenta una loggia sostenuta da pilastri in laterizio che reggono delle volte a sesto acuto, un unicum tipologico a Bologna. Nella parte superiore, tre nicchie contengono statue in marmo, dove quella centrale raffigura la giustizia.

Tra i più importanti interventi di restauro ricordiamo quello del 1484, commissionato da Giovanni II Bentivoglio, in seguito ai gravi danni subiti dall'edificio a causa de crollo della vicina Torre de' Bianchi; la ristrutturazione del 1837 realizzata dall'ingegnere Carlo Scartabelli a cui si deve l'apertura di una nuova porta nella campata di via Santo Stefano e di due finestre in una delle quali è collocato l'orologio, e infine la ricomposizione di una parte della loggia avvenuta tra il 1946 e il 1949 dopo il crollo della struttura ad angolo provocato dal brillamento di un ordigno inesploso.

 

Fonti e Riferimenti Fotografici:
Palazzo Mercanzia, Wikimedia Commons di @Parsifall - Opera propria, sotto licenza CC BY-SA 4.0.
La Mercanzia, Ufficio Stampa della Camera di Commercio Industria e Agricoltura di Bologna, su testo di Giuseppe Carlo Rossi, copertina e disegni di Alessandro Cervellati, Arti Grafiche Tamari, 15 giugno 1957, Bologna (ulteriori riferimenti in foto).