Rete civica Iperbole

L’arco del Meloncello: ultima opera del Portico di San Luca

Lo sapevate che l’arco del Meloncello prende il nome dal rio Meloncello che scendeva dalle pendici del Monte della Guardia? È inoltre l’ultimo lavoro che conclude la fabbrica del portico di San Luca nel 1730. Rappresenta, infatti, la felice risoluzione, da parte dell’architetto Francesco Dotti, del complesso problema rappresentato dalla difficoltà di collegare, con un sovrappasso stradale, il braccio del portico di pianura al braccio di portico di salita, in quanto interrotti dalla strada e situati a quote differenti.

L’arco del Meloncello rappresenta una sorta di porta urbis ed è l’unico esempio di opera architettonica in stile barocco sull’esterno che abbiamo a Bologna.

Forti rassomiglianze architettoniche e di stile le possiamo trovare nel confronto con il suo diretto antecedente: l’arco del rosario dell’architetto Bernascone del 1623, primo arco d’accesso al percorso del Sacro Monte di Varese, che conduce anch’esso a un Santuario della Madonna di San Luca.

Se confrontiamo, inoltre, l’arco del Meloncello con Porta Maggiore nella versione del 1770, precedente a quella attuale, notiamo parecchie somiglianze. Porta Maggiore, in effetti, all’epoca era stata realizzata secondo il progetto di Giovanni Giacomo, figlio di Francesco Dotti architetto del Santuario di San Luca.

Dal forte impatto scenografico, non a caso attestato dalle fonti coeve a Francesco Galli Bibiena che sembra avere ispirato il Dotti nella fase di progettazione, l’Arco del Meloncello non poteva passare inosservato ai viaggiatori del Grand Tour d’Italie che lo ricordano nei commenti dei loro diari di viaggio.

 

Fonti e riferimenti fotografici:
A. M. Matteucci, "Carlo Francesco Dotti e il Santuario della Madonna di San Luca" in La Madonna di San Luca in Bologna. Otto secoli di storia, di arte e di fede a cura di Mario Fanti e Giancarlo Roversi, Bologna 1993.
Pier Luca Gamberini, Il portico del santuario di  San Luca: una ricerca iconografica e storico artistica, tesi di specializzazione in Storia dell’Arte, Università di Bologna. 
Arco del Meloncello, foto di © Comune di Bologna tratta da Bologna Welcome.
Arco dei misteri gaudiosi detto anche Arco del Rosario, foto Wikimedia Commons di @Torsade de Pointes, sotto licenza CC0 1.0 Universal.

 Su gentile concessione  della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna:
• Panfili Pio, n°30098 Veduta dell’Arco del Meloncello – Bologna, incisione a bulino, cm. 190x238 mm, 1803, in Collezioni d’arte e di storia: stampe; 
• Cavazza Giuseppe, n°BRI 02492 Bologna, Porta Mazzini (già Porta Maggiore) – Bologna, positivo in b/n in formato cartolina 9x14 cm, 1914, Fondo Brighetti in Collezioni d’arte e di storia: fondi fotografici.