Progetto di autorecupero, alloggi ancora disponibili

11 Febbraio 2016
Foto edificio

Ancora disponibili 6 appartamenti grazie al progetto di autorecupero del Comune di Bologna, in collaborazione con la Cooperativa Mattone Solidale, l’Associazione Xenia, il Consorzio Abn, Banca Prossima e Banca Etica, che ha portato alla realizzazione di nuovi alloggi in diverse aree della città. L'intervento rappresenta una prima sperimentazione a livello nazionale e ha visto la demolizione e ricostruzione di cinque edifici, inutilizzati da anni, secondo le moderne tecnologie in termini di adeguamento sismico, bioedilizia e risparmio energetico.

L'autorecupero è un processo edilizio di ristrutturazione di immobili che pone al centro i futuri abitanti degli alloggi che, costituiti in cooperativa e adeguatamente formati, intervengono direttamente nelle opere di ristrutturazione mettendo a disposizione un monte ore lavorativo. 
L'obiettivo del progetto è sia l’abbattimento dei costi delle opere, che la formazione di un gruppo affiatato, capace di dar vita a condomini “amichevoli”, in cui la presenza di vicini di casa solidali sostituisca o integri le reti familiari personali.

Attualmente sono ancora disponibili i seguenti appartamenti:

  • 2 appartamenti in via Lenin 14/2 per 4 persone, di 90 mq con cantina e piccola rimessa al costo di 180.000 euro circa ognuno
  • 1 appartamenti in via Lenin 14/3 per 3 persone, di 64 mq con cantina al costo di 125.000 euro circa.
  • 1 appartamento in via Mondolfo 13 per 4 persone di 95 mq con piccola rimessa al costo di circa 180.000 euro circa.
  • 1 appartamento in via Roncaglio 13 per 4 persone, di 90 mq con cantina e piccola rimessa al costo di 178.000 euro circa.
  • 1 appartamento in vicolo dei Prati 4 per 4 persone, di 83 mq con rimessa al costo di 154.000 euro circa.

Per iscriversi al progetto, visionare i progetti definitivi e il capitolato o per ottenere maggiori informazioni rivolgersi all'Associazione Xenia.

(Foto con licenza Creative Commons. Fonte: Flickr)