Piccoli Gruppi Educativi e Sezioni Primavera: 256 posti convenzionati per l'anno educativo 2017-18

22 Aprile 2017
Foto bambini in sezione

La Giunta, su proposta della vicesindaco Marilena Pillati, ha approvato i criteri generali alla base degli accordi convenzionali con i soggetti privati gestori di Piccoli Gruppi Educativi e Sezioni Primavera per l'anno educativo 2017-2018, confermando gli stessi criteri applicati nel 2016-2017.

Lo strumento delle convenzioni ha favorito negli anni il consolidamento di questa tipologia di offerta nell'ambito del sistema integrato dei servizi per l'infanzia: attualmente sono 158 i posti convenzionati nelle Sezioni Primavera e 77 quelli nei Piccoli Gruppi Educativi nell'anno educativo in corso, per un totale di 235 posti.

Il prossimo anno, grazie alla conferma di questo sistema, sarà possibile convenzionare 98 posti nei piccoli gruppi educativi e 158 nelle sezioni primavera, per un totale di 256 posti.

Anche per l'anno educativo 2017-2018, dunque, il Comune riconoscerà a ogni gestore di un Piccolo Gruppo Educativo autorizzato al funzionamento un contributo annuale forfettario di 18.000 euro in caso di raggiungimento della media annua di 4 bambini residenti. La spesa complessiva presunta massima individuata dalla delibera di Giunta è di 270.000 euro.

Relativamente alle Sezioni Primavera autorizzate al funzionamento, il Comune garantirà il contributo forfettario di 1.200 euro per ogni posto assegnato e un contributo forfettario di 2.500 euro per il coordinamento pedagogico. La spesa complessiva massima quantificata dalla giunta è di 214.600 euro.

I Piccoli Gruppi Educativi sono servizi che, svolti anche presso il domicilio dell'educatrice, permettono di dare risposte a esigenze di particolare flessibilità e vicinanza ai territori e la loro peculiarità è quella di sviluppare un progetto educativo con gruppo ristretto di bambini, fino a un massimo di sette.

Le Sezioni Primavera rientrano a pieno titolo nella tipologia di servizio integrabile ai nidi d'infanzia con la possibilità di essere aggregate alle scuole dell'infanzia e costituiscono un'opportunità di progetto educativo in continuità.