Il Consiglio comunale vota all'unanimità il conferimento della Cittadinanza onoraria a Muhammad Yunus.

5 Novembre 2014

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità la delibera proposta dal Sindaco e dalla Presidenza del Consiglio e illustrata in aula dalla presidente Simona Lembi, per conferire la cittadinanza onoraria di Bologna all'economista Muhammad Yunus, inventore del microcredito. Ecco il testo della Delibera: 

Il Consiglio comunale,

Riconosciuta nell'economista e banchiere bengalese Muhammad Yunus, premio Nobel per la Pace nel 2006, una delle figure più straordinarie del nostro tempo, ideatore e realizzatore del microcredito moderno, ovvero di un sistema di piccoli prestiti destinati ad imprenditori troppo poveri per ottenere credito dai circuiti bancari tradizionali, basato sulla fiducia nelle persone, che ha mostrato gli effetti distorsivi del mercato sulle condizioni di sviluppo della persona umana;

Dato atto che:

Muhammad Yunus, nato a Chittagong il 28 giugno 1940, nel 1976 fondò la Grameen Bank, prima banca al mondo ad effettuare prestiti ai più poveri basandosi non già sulla solvibilità, bensì sulla fiducia. Da allora la Grameen Bank ha erogato più di 15 miliardi di dollari ad oltre 8 milioni di richiedenti, con percentuale di restituzione superiore al 97% ed il modello di microcredito è stato applicato in oltre 20 Paesi in via di sviluppo. Più del 90% dei prestiti della Grameen è destinato alle donne, considerando che i profitti realizzati dalle donne siano più frequentemente destinati al sostentamento delle famiglie.

Numerosi sono i riconoscimenti e i premi internazionali assegnati a Yunus, primo fra tutti, nel 2006, insieme alla Grameen Bank, il Nobel per la pace, con la seguente motivazione:

'Attraverso cultura e civiltà, Yunus e la Grameen Bank hanno dimostrato che anche i più poveri fra i poveri possono lavorare per portare avanti il proprio sviluppo" e, più oltre, 'per i loro sforzi diretti a promuovere lo sviluppo economico e sociale dal basso'.

L'Università di Bologna, nel 2004, gli conferì la Laurea Honoris Causa in Scienze della Formazione per il valore psicologico della sua attività economica e, nel 2010, su iniziativa del Presidente della Repubblica italiana, venne insignito della onorificenza di “Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana”.

Muhammad Yunus, ha affrontato, con le sue idee e le sue azioni, il problema gravissimo della povertà nel mondo e l’ha mostrato come conseguenza del sistema economico nel quale viviamo. Partendo dalla considerazione che ogni essere umano sia portatore di risorse, minimali forse, ma sufficienti, perché con un supporto possano essere sviluppate, si è attivato per trovare il modo di mobilitarle, restituendo alle persone povere la dignità a cui ciascun essere umano ha diritto per il solo fatto di esistere.

E’ stato in grado di dare fiducia bancaria a persone completamente escluse da questa realtà, così mettendo in discussione alcune regole auree del sistema bancario. Il cosiddetto sistema Yunus ha provocato un cambiamento di mentalità all'interno della Banca Mondiale, tale da rendere il microcredito uno degli strumenti di finanziamento utilizzati in tutto il mondo per promuovere lo sviluppo economico e sociale;

Considerato che:

il Comune di Bologna annovera, tra le proprie radici, molteplici azioni di giustizia sociali, tra cui il Liber Paradisus, memoriale dell’affrancazione collettiva dei servi realizzata nel

1256-1257, che rappresenta una pietra miliare nella costruzione della cittadinanza bolognese, espressione della stessa filosofia e visione del mondo in cui ogni essere umano ha diritto alla propria dignità di esistere e, allo stesso tempo, ha il dovere di contribuire alla comunità di cui è parte;

la città di Bologna è stata antesignana in Europa in esperienze a favore del microcredito alle piccole imprese e al lavoro; già nel 1475 fu fondato il Monte di Bologna, su iniziativa di fra Michele Carcano, che raccolse fondi dalla generosità popolare, destinandoli al finanziamento di piccole imprese manifatturiere, con la sola garanzia del pegno sulle materie prime necessarie alle lavorazioni industriali. A tutt'oggi la tradizione di queste iniziative è ancora presente in città, negli ideali fondativi e statutari della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna;

a partire da queste radici, il Comune di Bologna vuole essere sempre più attento ai bisogni dei più deboli, nel perseguire valori di uguaglianza e parità di diritti per tutti i suoi cittadini;

il Comune di Bologna fa propri i principi e i valori alla base del microcredito, sviluppati da Yunus e considera questa l'occasione per avviare una riflessione ed un confronto con altri

soggetti pubblici e privati della città per innovare le misure di microcredito; facendosi parte attiva per il superamento di eventuali elementi, attualmente in essere, di ostacolo alla concessione del credito;

Inteso riconoscere, per tutte queste ragioni, come cittadino onorario del Comune di Bologna la figura di Muhammad Yunus;

dato atto che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18.08.2000, n. 267, così come modificato dal D.L.n.174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Settore Staff del Consiglio Comunale e della dichiarazione del Responsabile del Settore Finanza e Bilancio che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

Visto l'art. 2 del Regolamento per la concessione delle civiche onorificenze; su proposta del Sindaco e della Presidenza del Consiglio; sentita la Commissione consiliare competente;

Delibera di conferire, per le motivazioni in premessa indicate, la cittadinanza onoraria della città di Bologna a Muhammad Yunus".

 

 

( Foto flickr commons )