Fino al 10 maggio le iscrizioni ai nidi

10 Aprile 2013
immagine

Si apre il 15 aprile il bando per l’iscrizione ai nidi d’infanzia rivolto ai genitori dei bambini nati dal 1° gennaio 2011 al 9 maggio 2013, e residenti a Bologna. Il bando si chiuderà il 10 maggio e per la prima volta la domanda si potrà presentare esclusivamente online, attraverso il portale "scuole online" di Iperbole. 

Gli sportelli del cittadino dei quartieri sono a disposizione per fornire supporto tecnico e aiuto a tutti coloro che non hanno dimestichezza con la rete, o che non dispongono di connessione internet, mentre l'accesso libero al web è già garantito in tutte le biblioteche del Comune.

Oltre all’iscrizione ai nidi, le famiglie potranno richiedere i buoni-voucher, finanziati dalla Regione Emilia-Romagna e dal Fondo Sociale Europeo, per ridurre i costi delle rette di chi frequenta nidi privati, piccoli gruppi educativi e sezioni primavera che sono disponibili per i bambini nati dal 1° gennaio 2011 al 30 giugno 2013.  

È possibile presentare una o entrambe le domande, ma chi intende richiedere unicamente i voucher avrà tempo di presentare la domanda fino al 31 agosto.

Attenzione, l' attestazione ISEE a corredo della domanda, valida al 30 settembre 2013, deve essere presentata dai genitori coniugati e dai non coniugati con la medesima residenza. Nel caso di genitori separati, divorziati o non sposati, con diversa residenza anagrafica si dovrà fare riferimento di norma al NISE  (Nuovo Indicatore della Situazione Economica). L’ISEE e il NISE vengono rilasciati dai Caaf convenzionati.

Tutte le famiglie con bambini che rientrano nelle fasce di età interessate a nidi e ai voucher, riceveranno a casa una lettera che li informerà dell’apertura del bando. L’informazione completa sarà inoltre disponibile nella sezione scuola di Iperbole, e presso gli uffici URP Sportello del cittadino di tutti i quartieri.

Una volta effettuata l'iscrizione tutte le successive comunicazioni relative allo stato e all’esito della domanda avverranno via email. 

 

 

(Foto con licenza Creative Commons. Fonte Flickr)