Fiere e mercati, il nuovo Piano delle aree disegna il commercio su strade e piazze pubbliche

29 Novembre 2016
La Piazzola

Il Consiglio comunale di Bologna ha approvato all'unanimità dei presenti il nuovo Piano delle Aree che definisce il numero di posteggi per l'esercizio del commercio su strade e piazze pubbliche in città. Si tratta di poco più di 1.400 posteggi, una cifra che comprende anche la proposta per il nuovo mercato della Piazzola, dove il numero dei banchi scenderà da 340 a 290. Il Piano delle Aree avrà validità dal primo dicembre 2016 e costituisce il documento di riferimento per la presentazione delle domande per il bando che nel 2017, quando scadranno tutte le concessioni, procederà alla loro assegnazione. Le domande potranno essere presentate, utilizzando esclusivamente la piattaforma informatica in uso per il Comune di Bologna, secondo le indicazioni del bando, dal 2 al 31 gennaio 2017. La scadenza delle concessioni per il mercato a turno giornaliero sarà prorogata al 20 luglio 2017, mentre per la Piazzola la proroga è al 30 settembre 2017 così da poter dare attuazione alla nuova pianta organica dal primo ottobre 2017. La delibera rimanda a una seconda fase il ridisegno della disposizione dei banchi all'interno della Piazzola.
Il documento è stato approvato con 22 voti favorevoli su 22 votanti (il Sindaco Virginio Merola e i consiglieri del Partito Democratico) e 2 non votanti (Coalizione Civica). Della delibera è stata approvata, con lo stesso esito in aula, anche l'immediata eseguibilità.

La delibera affronta nel dettaglio i criteri per le procedure di selezione per l'assegnazione dei posteggi. Le concessioni rilasciate avranno per tutti una durata di dieci anni. Tutti gli operatori che oggi sono titolari di una concessione potranno partecipare al bando. I criteri per assegnare le nuove concessioni si rifanno al documento approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome poi recepito dalla giunta regionale nella deliberazione 1552/2016 che fornisce ulteriori indicazioni interpretative. All'interno di questa cornice, il Comune di Bologna ha definito i criteri del nuovo Piano delle Aree. Con riferimento al criterio della maggiore professionalità acquisita, verranno ritenuti validi anche i periodi discontinui di iscrizione al registro delle imprese riferiti allo stesso soggetto giuridico. Nell'ambito della ripartizione dei punteggi definiti in ambito nazionale, con esclusivo riferimento al mercato della Piazzola, sarà applicato un ulteriore punto per ogni anno di iscrizione al Registro imprese (rispetto all'ultima concessione e con l'esclusione di coloro che cedono l'azienda, considerando validi anche periodi discontinui di iscrizione riferiti allo stesso soggetto giuridico). Saranno inoltre riconosciuti due punti per ogni anno dell'ultimo periodo di iscrizione quale impresa attiva al Registro Imprese fino al 31 dicembre 2016. Rimane valida l'attribuzione di un solo punto per i periodi di iscrizione precedenti (anche discontinui). Verranno considerati gli anni interi (dal 1 gennaio al 31 dicembre) unitamente a 0,10 punti per ogni mese di attività effettivamente svolta con riferimento all'ultima concessione riferita al posteggio richiesto a bando. In particolare, i criteri aggiuntivi decisi dal Comune hanno l'obiettivo di valorizzare chi ha un'impresa attiva nel mercato e svolge effettivamente il lavoro di commerciante ambulante, a scapito della rendita. Un'esigenza ribadita più volte dalle stesse associazioni di rappresentanza e dagli ambulanti nel corso dei numerosi confronti avvenuti con la giunta comunale. Tutti i dettagli saranno comunque on line sul sito del Comune appena sarà pubblicato il bando. Nei prossimi giorni il settore Attività produttive di Palazzo d'Accursio metterà a disposizione degli ambulanti anche un vademecum informativo con tutti i dettagli del bando e del percorso che li vedrà coinvolti per la definizione del progetto della nuova area mercatale.

Inoltre la delibera dà mandato alla giunta di istituire un mercato sperimentale settimanale nell'area Bolognina, indicativamente tra le vie Fioravanti, Gobetti e Bolognese, accogliendo una richiesta del Quartiere Navile, dando priorità alla spunta agli operatori che non potranno più partecipare al mercato della Piazzola a seguito della riduzione dei posteggi. L'assessore all'Economia, Matteo Lepore, in sede di commissione consiliare e nell'aula del Consiglio, ha inoltre ribadito la disponibilità della giunta, una volta definito il nuovo progetto dell'area mercatale, a valutare soluzioni che permettano di ricollocare le varie tipologie di attività che rimanessero escluse dalla futura pianta organica della Piazzola e del turno C.

Se per lo storico mercato della Piazzola c'è un progetto di riqualificazione e riorganizzazione in più fasi, le altre modifiche al Piano delle Aree disegnano la mappa definitiva dei mercati e delle fiere che si svolgono in città. C'è in particolare una serie di posteggi eliminati, in tutto una cinquantina, che riguardano essenzialmente luoghi quasi mai richiesti dagli operatori commerciali, chioschi già rimossi e posteggi non oggetto di concessione.