Capitale Verde d'Europa 2019: Bologna si candida

28 Novembre 2016
passeggiata in collina

La città di Bologna si candida a Capitale Verde d'Europa per il 2019.

Si tratta di un premio, il “Green Capital Award (Città Verdi – adatte per la vita)” che la Commissione Europea assegna ogni anno alle città che si distinguono per i progressi intrapresi verso il raggiungimento di una vita urbana rispettosa dell'ambiente. La giunta guidata da Virginio Merola ha assunto l'impegno del Comune a sostenere la candidatura di Bologna. Gli uffici sono al lavoro per preparare il dossier della candidatura, insieme all'Urban Center e al dipartimento di Architettura dell'Università di Bologna: sarà un'occasione per raccogliere in un unico documento tutto ciò che il Comune ha portato avanti e ha in previsione di sviluppare sui temi della sostenibilità ambientale.

Le candidature saranno valutate da una commissione di esperti, sulla base di 12 indicatori; per ognuno di questi, le città partecipanti sono state chiamate a compilare un report che può essere considerato un vero e proprio libro bianco delle attività svolte negli ultimi anni nell'ambito della sostenibilità, in esso infatti sono riportate le attività svolte negli ultimi 5-10 anni, la situazione attuale e le strategie future. Tra le 14 città candidate, tra cui l'altra italiana Firenze, nell'aprile 2017 saranno selezionate 3 finaliste. Una giuria assegnerà poi il premio nel mese di giugno del 2017 ad Essen, in Germania.
Tra i fattori determinanti per l’attribuzione del riconoscimento: mitigazione e adattamento; trasporto locale; aree urbane verdi che incorporano l’utilizzo sostenibile del territorio; natura e biodiversità; qualità dell’aria; qualità acustica dell’ambiente; gestione delle risorse idriche; trattamento delle acque reflue; innovazione e occupazione eco-sostenibile; rendimento energetico; gestione ambientale integrata.

Oltre ai capoluoghi di Toscana ed Emilia-Romagna, si candidano per questa edizione: Arad (Romania), Funchal e Lisbona (Portogallo), Ghent (Belgio), Kamëz (Albania), Lahti (Finlandia), Oslo (Norvegia), Pecs (Ungheria), Siviglia (Spagna), Strasburgo (Francia), Tallinn (Estonia) e Wroclaw (Polonia).

Le città insignite del riconoscimento sono state Stoccolma (2010), Amburgo (2011), Vitoria-Gasteiz (2012), Nantes (2013), Copenhagen (2014), Bristol (2015), Lubiana (2016), Essen (2017), Nijmegen (2018).