"Bologna balla per le feste", dal 25 dicembre al 7 gennaio protagonista il ballo in tutte le sue forme. E in piazza brucia il Vecchione partecipato

29 Novembre 2019

"Bologna balla per le feste" è l'ampio programma di iniziative promosso dal Comune di Bologna con Bologna Welcome e Cineteca di Bologna che si svolge in città dal 27 dicembre al 5 gennaio 2020 e che quest'anno presenta accanto ad alcune importanti conferme anche molte novità.

"Questo programma valorizza la danza e il patrimonio culturale della città - afferma Matteo Lepore, assessore alla cultura e promozione della città. Stiamo lavorando per la comunità: lo facciamo prendendoci cura di Bologna, rendendola più bella e attrattiva e questo è il modo migliore per farla conoscere anche a livello internazionale". 

Torna Dancin'Bo, il programma voluto dal Comune di Bologna e firmato da Vittoria Cappelli e Monica Ratti che, dopo il successo del 2018, mette in campo 500 ballerini in 15 diversi luoghi della città. Un’invasione gioiosa che arriva anche nei luoghi storici della cultura, come il Palazzo dell'Archiginnasio, Biblioteca Salaborsa, il Teatro Comunale, il Museo Medievale e l’Università con più di 50 realtà tra associazioni, scuole di danza e compagnie professionali per celebrare la bellezza e l’energia del ballo in tutte le sue forme, con spettacoli e performance, ma anche tante occasioni tutte gratuite per ballare insieme. La festa comprende 50 appuntamenti dedicati a tutti i tipi di ballo in strade, piazze e locali, dal centro alla periferia. Tra gli ospiti più attesi l'étoile Luciana Savignano, che si esibirà nel foyer del Teatro Comunale nella Morte del Cigno, i beniamini del pubblico televisivo Kledi Kadiu e Simone Di Pasquale, che il 27 dicembre alle 15.30 inaugureranno la rassegna con una parata che si snoderà tra via Farini, via Rizzoli e Piazza Maggiore, i giovanissimi Fratelli Gargarelli da Italia’s Got Talent e Davide Alphandery, vincitore dell’edizione 2019 di Prodigi - La musica è vita. Non mancano i tributi a figure importanti del patrimonio culturale internazionale, con uno spazio dedicato a Lucio Dalla in Galleria Cavour e a Federico Fellini nel Foyer Respighi del Teatro Comunale, e arriva anche l'omaggio di Cineteca di Bologna che nel mese di dicembre anticipa Dancin'Bo con la rassegna di film That’s Musical! Si chiude domenica 5 gennaio, sul sagrato della Basilica di San Petronio, con le Danze dal Mondo realizzate dalle associazioni straniere di danze popolari.

La novità di quest'anno è invece il debutto di Lightin'Bo, il nuovo programma di video mapping, realizzato da Bologna Welcome con Camera di Commercio di Bologna, che valorizza, grazie alla collaborazione con la Soprintendenza, alcuni dei più bei palazzi storici della città. Protagoniste le scene di ballo tratte da grandi classici del cinema, come lo strepitoso duo rappresentato da Fred Astaire e Ginger Rogers in Top Hat o Stan Laurel e Oliver Hardy in I Fanciulli del West e ancora scene di danza iconiche e indimenticabili, come la celebre danza di Anita Ekberg sulle note di Adriano Celentano in La Dolce Vita o il valzer di Claudia Cardinale e Burt Lancaster ne Il Gattopardo. E poi il mambo di Sophia Loren e Vittorio de Sica in Pane, amore e... e il tip tap di Giulietta Masina e Marcello Mastroianni in Ginger e Fred. Tutte le sere, dal 27 dicembre al 1 gennaio dalle 18 alle 20, e la notte del 31 dicembre fino all’ 1, Lightin'Bo illumina la Chiesa di Santa Maria della Pioggia, la Pinacoteca di Bologna, Palazzo Isolani, Palazzo Malvezzi De’ Medici e palazzo della Mercanzia con spettacoli ogni 15 minuti.

Per il 31 dicembre Bologna conferma la tradizione e mette al centro il Vecchione in Piazza Maggiore, accompagnato dalla musica di un Dj set. Anche quest'anno il Vecchione sarà un'opera partecipata il cui progetto è affidato Cantieri Meticci che dopo l'edizione 2018 rilanciano alla città la chiamata a costruirlo tutti insieme. Tutti possono portare allo Spazio Bianco del DumBO (capannone n.3) in via Casarini 19 vecchie cose di legno di cui desiderano disfarsi e collaborare, nella grande officina aperta da pochi giorni, con gli scenografi e gli artigiani di Cantieri Meticci alla costruzione del fantoccio. Sempre a DumBO verrà allestito anche un laboratorio di incisione dove tutti potranno scrivere su fogli di metallo frasi riferite a quello di cui vorranno prendersi cura nel prossimo anno che verranno inserite nel vecchione, in un rito collettivo che si lascia alle spalle il passato e conserva per l'anno nuovo solo le speranze. Per partecipare alla costruzione del vecchione basta presentarsi a DumBo ogni martedì e giovedì dalle 14.30 alle 16.30 e il sabato dalle 14.30 fino alle 18.30. I laboratori sono gratuiti per tutte e tutti. Benvenuti gruppi, associazioni e scolaresche.

Per partecipare scrivete a info@cantierimeticci.it o telefonate al numero339 5972782