"Bologna balla per le feste", dal 25 dicembre al 7 gennaio protagonista il ballo in tutte le sue forme. E in piazza brucia il Vecchione partecipato

2 Gennaio 2020

< Aggiornamento di martedì 7 gennaio>  Si conclude con grande successo  "Bologna balla per le feste", l'ampio programma di iniziative promosso dal Comune di Bologna con Bologna Welcome e Cineteca di Bologna. Dal  27 dicembre al 5 gennaio 2020 con Dancin'Bo hanno ballato, insieme ai 500 ballerini e alle 60 scuole di danza coinvolte nel programma, ben 80mila persone, con una crescita del pubblico pari al 50% rispetto alla scorsa edizione del programma, mentre Lightn'Bo, la nuova rassegna di videomapping dedicata alle più belle scene di danza della storia del Cinema è stata seguita da 23mila persone e 10mila persone hanno festeggiato in Piazza Maggiore con il Vecchione partecipato realizzato da Cantieri Meticci e dj set di Kong,  

Dancin'Bo, il programma voluto dal Comune di Bologna e firmato da Vittoria Cappelli e Monica Ratti , dopo il successo del 2018, ha messo in campo 500 ballerini in 15 diversi luoghi della città. Un’invasione gioiosa arrivata anche nei luoghi storici della cultura, come il Palazzo dell'Archiginnasio, Biblioteca Salaborsa, il Teatro Comunale, il Museo Medievale e l’Università con più di 50 realtà tra associazioni, scuole di danza e compagnie professionali per celebrare la bellezza e l’energia del ballo in tutte le sue forme, con spettacoli e performance, ma anche tante occasioni tutte gratuite per ballare insieme. La festa ha compreso 50 appuntamenti dedicati a tutti i tipi di ballo in strade, piazze e locali, dal centro alla periferia. Tra gli ospiti più attesi l'étoile Luciana Savignano, che si è esibita nel foyer del Teatro Comunale nella Morte del Cigno, i beniamini del pubblico televisivo Kledi Kadiu e Simone Di Pasquale, che il 27 dicembre hanno inaugurato la rassegna con una parata tra via Farini, via Rizzoli e Piazza Maggiore, i giovanissimi Fratelli Gargarelli da Italia’s Got Talent e Davide Alphandery, vincitore dell’edizione 2019 di Prodigi - La musica è vita. Non sono mancati i tributi a figure importanti del patrimonio culturale internazionale, con uno spazio dedicato a Lucio Dalla in Galleria Cavour e a Federico Fellini nel Foyer Respighi del Teatro Comunale, e l'omaggio di Cineteca di Bologna che nel mese di dicembre ha anticipato Dancin'Bo con la rassegna di film That’s Musical! La rassegna si è chiusa domenica 5 gennaio, sul sagrato della Basilica di San Petronio, con le Danze dal Mondo realizzate dalle associazioni straniere di danze popolari.

La novità di quest'anno è stata  invece il debutto di Lightin'Bo, il nuovo programma di video mapping, realizzato da Bologna Welcome con Camera di Commercio di Bologna, che ha valorizzato, grazie alla collaborazione con la Soprintendenza, alcuni dei più bei palazzi storici della città. Protagoniste le scene di ballo tratte da grandi classici del cinema, come lo strepitoso duo rappresentato da Fred Astaire e Ginger Rogers in Top Hat o Stan Laurel e Oliver Hardy in I Fanciulli del West e ancora scene di danza iconiche e indimenticabili, come la celebre danza di Anita Ekberg sulle note di Adriano Celentano in La Dolce Vita o il valzer di Claudia Cardinale e Burt Lancaster ne Il Gattopardo. E poi il mambo di Sophia Loren e Vittorio de Sica in Pane, amore e... e il tip tap di Giulietta Masina e Marcello Mastroianni in Ginger e Fred. Tutte le sere, dal 27 dicembre al 1 gennaio dalle 18 alle 20, e la notte del 31 dicembre fino all’ 1, Lightin'Bo ha illuminato la Chiesa di Santa Maria della Pioggia, la Pinacoteca di Bologna, Palazzo Isolani, Palazzo Malvezzi De’ Medici e palazzo della Mercanzia con spettacoli ogni 15 minuti.

Presepi in città

A Palazzo d'Accursio, nel Cortile d'Onore, si può visitare il Presepio della Ri-Nascita, frutto di una collaborazione fra una struttura sanitaria d'eccellenza e di alcuni scultori che si sono messi a disposizione, durante il percorso di riabilitazione, di chi ha subito gravi menomazioni per incidenti di diverso tipo. Sempre nel Cortile d'Onore, è possibile ammirare un allestimento natalizio con un abete e delle decorazioni luminose, mentre al primo piano di Palazzo d'Accursio, davanti alla Sala Rossa, accanto al tradizionale albero di Natale è presente un piccolo presepe appartenuto a Lucio Dalla e gentilmente concesso dalla Fondazione Lucio Dalla che sarà visitabile fino al 10 gennaio 2020, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle 13.30. Sono tante in città le passeggiate presepiali proposte dal programma Presepi in città.

 

 

Foto spettacoli Giorgio Bianchi_Comune di Bologna