Gli ammortizzatori sociali

Ammortizzatori sociali
Il sistema degli ammortizzatori sociali è in una fase di profonda trasformazione, dapprima per effetto della legge 92/2012 (riforma del mercato del lavoro) che ha istituito una nuova forma di "assicurazione sociale" (ASpI) al posto dell'indennità di disoccupazione e, dal 2017, della mobilità, e più recentemente per l'entrata in vigore del D. Lgs. n. 22/2015 che ha introdotto la "nuova ASpI" (NASpI) a partire dal 1 maggio 2015, del D. Lgs. n. 148/2015 di riforma della cassa integrazione e, infine, della legge 81/2017 (tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale).

Ecco il quadro sintetico degli ammortizzatori oggi in vigore.

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

La Cassa Integrazione Guadagni è una prestazione economica erogata dall'INPS per integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori nei periodi di sospensione o riduzione dell'attività lavorativa, dovuta a situazioni transitorie di difficoltà dell'azienda (CIG ordinaria) oppure a processi di ristrutturazione o a crisi aziendali (CIG straordinaria). Viene concessa in favore dei lavoratori dipendenti, inclusi quelli con contratto di apprendistato professionalizzante, con un'anzianità di effettivo lavoro di almeno novanta giorni.

NASPI

La Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI), che ha preso il posto di ASpI e mini-ASpI dal 1 maggio 2015, è rivolta a tutti i lavoratori dipendenti, con esclusione dei dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e degli operai agricoli (che mantengono la vecchia indennità).
La tutela riguarda le situazioni di disoccupazione involontaria; sono quindi escluse le risoluzioni consensuali e le dimissioni, ad eccezione di quelle per giusta causa (es. per mancati pagamenti di stipendio, mobbing, molestie sessuali) e quelle rassegnate durante il periodo di tutela della maternità.

ASDI

A gennaio 2016 ha preso il via il nuovo Assegno sociale di disoccupazione (Asdi) destinato ai soggetti che hanno fruito della NASpI per la durata massima.
La misura è stata prorogata anche per tutto il 2017 pertanto potranno accedervi anche i lavoratori che hanno terminato l'intera durata della Naspi dopo il 31 dicembre 2016.

INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L'indennità di disoccupazione agricola spetta ai lavoratori agricoli, con almeno due anni di anzianità nell’assicurazione contro la disoccupazione involontaria, che hanno lavorato almeno 102 giornate nell'ultimo biennio.

DIS-COLL

I collaboratori coordinati continuativi (con o senza progetto) che rimarranno senza lavoro possono accedere a un'indennità di disoccupazione denominata DIS-COLL. Per ottenerla è necessario avere lo stato di disoccupazione, essere iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS, non avere partita IVA, avere versato almeno tre mensilità di contribuzione dal 1 gennaio dell'anno precedente.

CONTRATTI DI SOLIDARIETA'

I contratti di solidarietà sono accordi, stipulati tra aziende e sindacati, che prevedono la riduzione dell'orario di lavoro e del corrispondente salario per mantenere l'occupazione in caso di crisi aziendale e quindi evitare la riduzione del personale (contratti di solidarietà difensivi) o anche per favorire nuove assunzioni (contratti di solidarietà espansivi).

Ultimo aggiornamento: venerdì 01 settembre 2017