Linee guida per la progettazione

Il presente documento ha lo scopo di illustrare, in forma sintetica, le linee guida per la progettazione e la realizzazione degli spazi aperti ad uso pubblico, quali per esempio nuove urbanizzazioni e interventi di riqualificazione urbana, al fine di chiarire e meglio interpretare i termini qualità e beneficio pubblico dell’intervento, secondo con quanto previsto dall’art.2 comma 4 e 5 del RUE e dei regolamenti in uso presso l’Amministrazione Comunale. Nella fase attuale, più ancora che in passato, i costi gestionali imputabili alla manutenzione del patrimonio pubblico sono infatti fonte di forte preoccupazione per le Amministrazioni. In questo senso la ricerca della qualità nella realizzazione di opere pubbliche, a partire dalla fase di progettazione, costituisce l’unica strada percorribile per dotare la città di strutture che, per dimensioni e caratteristiche, corrispondano alle reali necessità dei vari settori urbani, e rispondano a criteri di economicità della manutenzione e omogeneità delle tipologie costruttive. Sulla base di queste premesse è quindi necessario che i progettisti dell’Amministrazione Comunale, gli attuatori di opere di urbanizzazione ed i tecnici di altri Enti Istituzionali, nonché i liberi professionisti, ferme restando le responsabilità derivanti dalla normativa vigente, elaborino progetti particolarmente dettagliati, in grado di assicurare una buona qualità delle opere. Le linee guida divengono pertanto un primo importante strumento di dialogo fra i progettisti e la Pubblica Amministrazione. Le linee guida sono state suddivise in sezioni tematiche, in relazione alle varie tipologie di intervento, che possono essere integrate o modificate nel tempo per cogliere le innovazioni tecnologiche, il mutare del contesto urbano e l’evolvere del panorama normativo.

Nelle sezioni tematiche, per ogni elemento costitutivo, vengono sviluppate e raccolte soluzioni progettuali conformi ai regolamenti comunali, suggerimenti e buone pratiche costruttive; vengono inoltre indicate le norme e le procedure a cui fare riferimento per la progettazione delle opere.

Le sezioni tematiche sono:

A. STRADE Opere all’interno dell’ambito viabile così come definito nel RUE ( Parte 2 - Titolo 1 – art.36), nel regolamento viario e nel codice della strada.

B. RACCOLTA ACQUE Opere inerenti la raccolta e lo smaltimento delle acque meteoriche afferenti gli spazi pubblici e delle acque reflue delle pubbliche fognature, come definite nel RUE ( Parte 2 – Titolo 2 - art.47).

C. PUBBLICA ILLUMINAZIONE Opere inerenti la pubblica illuminazione e cioè il complesso formato dalle linee di alimentazione, dai sostegni, dai centri luminosi e dalle apparecchiature destinato a realizzare l’illuminazione esterna di spazi ad uso pubblico.

D. SEMAFORI Opere inerenti gli impianti semaforici e cioè i dispositivi di segnalazione luminosa atti a regolare il traffico stradale di veicoli o pedoni costituiti da linee di alimentazione, sostegni, centri luminosi apparecchiature di regolazione e controllo.

E: SOTTOSERVIZI (IMPIANTI TECNOLOGICI) Opere inerenti l’insieme dei sottosistemi a rete che rappresentano il tessuto  connettivo per l’erogazione dei servizi nel sottosuolo del territorio.

F: ARREDO URBANO Si propongono i manufatti che costituiscono l’arredo degli spazi di uso pubblico così come definiti dal RUE (Parte 1 – Titolo 2 – art.20)

Ogni sezione tematica è suddivisa in 5 parti comprendenti: 1. generalità, 2. riferimenti normativi, 3. competenze e procedure, 4. linee guida progettuali e modalità costruttive, 5. schede grafiche

Ultimo aggiornamento: mercoledì 06 luglio 2011