Priorità di accesso

Hanno la priorità nell'ammissione al servizio:

  • bambini in condizione di disabilità certificati ai sensi della legge 104/94 o in possesso del certificato di integrazione scolastica (CIS) oppure bambini in situazione di compromissione psico-fisica attestata da struttura sanitaria specialistica pubblica che rilevi l'esigenza di un precoce inserimento nel nido d'infanzia;
  • bambini segnalati dal servizio sociale del Comune di Bologna, in quanto inseriti in nuclei familiari già in carico al servizio medesimo, bambini ospitati in strutture di accoglienza madre-bambino presenti sul territorio comunale per i quali l'inserimento al nido rappresenta parte essenziale del progetto di aiuto al bambino e alla famiglia.

Sub-criteri delle priorità di accesso

  • la continuità educativa: al bambino che già frequenta un nido privato viene riconosciuto un diritto di precedenza a essere ammesso nella medesima struttura, a prescindere dal punteggio assegnato alla relativa domanda in confronto alle domande di altri richiedenti la stessa struttura, ma a condizione che il punteggio assegnato alla domanda in questione sia tale da consentire l'assegnazione di un posto della stessa tipologia (tempo pieno o tempo part-time) in altra struttura;
  • fratelli gemelli nella stessa struttura: al fine di consentire ai fratelli gemelli di essere ammessi nella stessa struttura, se richiesto dai genitori, qualora uno solo dei gemelli risulti ammesso ad una struttura, all'altro o agli altri fratelli gemelli, a prescindere dal punteggio assegnato alla domanda in confronto alle domande di altri richiedenti la stessa struttura, viene riconosciuto un diritto di precedenza ad essere ammesso nella stessa struttura del fratello gemello.

Ultimo aggiornamento: mercoledì 12 aprile 2017