Criteri di ordinamento delle domande

L'ordinamento delle domande avviene in base a un punteggio ottenuto dalla somma dei punti attribuiti a un insieme di condizioni riferibili ai genitori e classificabili nei ambiti del carico familiare, della situazione occupazionale o di studio, e della condizione economica.

Carico familiare

A1

Bambini con un solo genitore, esclusivamente nel caso in cui orfani, non riconosciuti, con genitore in carcere, con un solo genitore in possesso della responsabilità genitoriale, ovvero in caso di irreperibilità anagrafica accertata di un genitore. Punti 15
A 2 Nucleo con un solo genitore convivente con il bambino, che non rientra nel punto A1, titolare di affido esclusivo del bambino a seguito di provvedimento dell'autorità giudiziaria anche non definitivo. Punti 12
A 3 Presenza di genitore con disabilità avente certificazione di gravità o con invalidità pari al 100% (il punteggio viene attribuito per ogni genitore avente queste caratteristiche), residente e convivente con il nucleo Punti 20
A 4 Presenza di genitore con disabilità o con invalidità superiore al 65% e inferiore al 100% (il punteggio viene attribuito per ogni genitore avente queste caratteristiche), residente e convivente con il nucleo. Punti 15
A 5 Presenza di uno o due genitori con grado di invalidità dal 33% al 65% (il punteggio viene attribuito per ogni genitore avente queste caratteristiche), residente/i e convivente/i con il nucleo. Punti 5
A 6 Presenza di un fratello o sorella minori con disabilità ai sensi della L. 104/1992, conviventi e residenti con il nucleo (il punteggio viene attribuito per ogni fratello/sorella avente queste caratteristiche). Punti 15
A 7 Presenza di altre persone con invalidità pari al 100% conviventi e residenti con il nucleo. Punti 5
A 8 Per ciascun gemello del bimbo per cui si sta presentando la domanda (che non devono essere considerati come fratelli per gli ambiti successivi). Punti 4
A 9 Per ciascun figlio in età 0-5 anni (escluso quello per cui è stata presentata la domanda). Punti 3
A 10 Per ciascun figlio in età 6-11 anni. Punti 2
A 11 Per ciascun figlio in età 12-14 anni. Punti 1
A 12 Nuova gravidanza in corso. Punti 3

Si considerano equiparati ai "figli" e ai "fratelli" anche i minori in affido purché residenti e conviventi con il nucleo.
Alle nuove gravidanze in corso viene assegnato lo stesso punteggio assegnato ai figli tra 0-5 anni, con verifica della sussistenza del requisito in avvio di anno educativo.

Situazione occupazionale o di studio

B 1

Lavoro autonomo non occasionale in essere al momento della domanda Lavoro subordinato a tempo indeterminato o a tempo determinato in essere al momento della domanda, a tempo pieno o part-time superiore al 75%.
Punti 20
B 2 Lavoro subordinato a tempo indeterminato o a tempo determinato in essere al momento della domanda, a part-time. dal 50% al 75% Punti 17
inferiore al 50% Punti 14
B 3 Prestazioni di lavoro occasionale o saltuario, sia autonomo che subordinato, anche non in essere al momento della domanda (a condizione che tali prestazioni corrispondano a un monte non inferiore a 600 ore ovvero a un compenso lordo non inferire a €8.000 nei 12 mesi precedenti la domanda). Punti 10
B 4 Iscrizione a scuole di qualsiasi ordine e grado per assolvere all'obbligo scolastico e formativo e comunque fino al conseguimento del 1° diploma di scuola secondaria di secondo grado (L. 53/2003 e Decreti attuativi), scuole di specializzazione, tirocini/praticantati abilitanti per l'iscrizione ad albi professionali, dottorati e assegni di ricerca. Punti 20
B 5 Iscrizione ad altri corsi di studio: altre scuole pubbliche, paritarie o legalmente riconosciute, università (laurea triennale, laurea specialistica, laurea secondo i vecchi ordinamenti; limitatamente alla prima laurea e in ogni caso non oltre il secondo anno fuori corso), master universitari di 1° e 2° livello (di cui al decreto n. 270/2004 del MIUR) tirocini praticantati non abilitanti per l'iscrizione ad albi professionali. In caso di frequenza obbligatoria ai suddetti corsi di studio, debitamente documentata, il punteggio è aumentato di 3 punti. Borse lavoro e servizio civile, se la durata residua al momento della domanda è di almeno un anno.
Punti 10

I punteggi sono attribuiti a ciascun genitore in base alla situazione lavorativa o di studio. In caso di genitore in condizione contemporanea di studio e lavoro, oppure di più condizioni lavorative i punteggi si sommano, fino all'attribuzione di un punteggio massimo di 20. Nel caso di più lavori a tempo part-time, si sommano le percentuali di part-time e viene assegnato il punteggio corrispondente alla percentuale totale.
Per ragioni di equità nel caso di famiglia monogenitoriale il punteggio riferito alla condizione lavorativa dell'unico genitore viene raddoppiato.

Organizzazione oraria del lavoro

B 6

Lavoro su turni (orari alternati notturni/diurni oppure antimeridiani/pomeridiani) Punti 3

B 7

Distanza dal luogo di lavoro superiore a 50 Km. Punti 3

La distanza viene calcolata raffrontando l'indirizzo di residenza e l'indirizzo della sede di lavoro utilizzando il sistema "Google Maps" e l'opzione del "percorso più breve". In caso di mancanza di sede di lavoro fissa si rientra nel requisito B7 se almeno uno dei luoghi di lavoro si trova ad una distanza superiore a 50 Km dall'indirizzo di residenza.

Condizione economica
Il punteggio relativo alla condizione economica del nucleo familiare viene determinato attraverso l'impiego dello strumento di misurazione denominato ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente).




Fasce ISEE: Punti:
C 1 ISEE fino a € 4.000,00 44
C 2 ISEE da € 4.000,01 fino a € 10.000,00 42
C 3 ISEE da € 10.000,01 fino a € 16.000,00 40
C 4 ISEE da € 16.000,01 fino a € 22.000,00 38
C 5 ISEE da € 22.000,01 fino a € 28.000,00 36
C 6 ISEE da € 28.000,01 fino a € 34.000,00 32
C 7 ISEE da € 34.000,01 fino a € 40.000,00 28
C 8 ISEE da € 40.000,01 fino a € 46.000,00 24
C 9 ISEE da € 46.000,01 fino a € 50.000,00 20
C 10 ISEE oltre € 50,000,00 0
C11 Mancata presentazione dell'ISEE 0

Si precisa che, ai sensi della normativa vigente (DPCM n. 159/2013, art.11) in  tema di omissioni o difformità segnalate nell'Attestazione ISEE, il richiedente il servizio può presentare una nuova DSU (procedura che si suggerisce di seguire) oppure può comunque presentare domanda per ottenere la prestazione mediante l'Attestazione ISEE recante omissioni o difformità. In tal caso il Comune di Bologna sottoporrà a controllo tutte le ISEE  caratterizzate da omissione/difformità e provvederà ad applicare gli eventuali provvedimenti previsti dalle normative vigenti.

Ultimo aggiornamento: venerdì 14 aprile 2017