Progetto scarti


La quantità degli scarti di cibo presso i refettori rappresenta uno degli indicatori più rilevanti per valutare il gradimento del cibo e al contempo per verificare l'efficacia delle proposte di miglioramento messe in campo per favorire un sempre più soddisfacente consumo dei pasti, quali ad es. le variazioni di menu e delle ricette oppure i progetti di educazione alimentare.

Primo progetto di rilevazione dello scarto
Un primo rilievo degli alimenti non consumati durante il pranzo è stato condotto da aprile a giugno 2014 nelle scuole primarie Tempesta (IC 7) attraverso un progetto ideato e condotto dal precedente gestore del servizio di refezione scolastica (Seribo), sulla base di quanto è emerso in sede di Commissione Mensa Cittadina.
I resti non consumati durante il pasto sono stati raccolti in 4 bidoni. In 3 bidoni sono stati raccolti i resti dei primi piatti, pietanze e contorni, mentre nel quarto bidone sono stati gettati, senza essere conteggiati nella valutazione, gli scarti di pane e frutta assieme a quelli della carta di tovaglie e tovaglioli.
Nei tre refettori della scuola alla fine di ogni pasto gli stessi ragazzi hanno raccolto i residui non consumati all'interno dei contenitori. Il materiale di scarto è stato soppesato dal personale addetto alla distribuzione e registrato sui moduli.

Il secondo progetto di rilevazione
Nel corso dell'anno scolastico 2015/16 - novembre 2015 ad aprile 2016 - è stata fatta una prima basilare valutazione degli scarti e dei resi dei primi piatti, dei secondi e dei contorni in un gruppo di oltre 30 scuole. Rilevazione che costituirà una base di partenza per la costruzione di un progetto più strutturato di valutazione degli scarti nel successivo anno scolastico.

Il "progetto scarti"
A seguito dei precedenti progetti e sulla base di quanto discusso nel Tavolo di Educazione Alimentare ha preso corpo il progetto scarti che si sta sviluppando, già a partire da questo anno scolastico, in 15 scuole, 5 per ogni Centro Produzione Pasti:
CPP Casteldebole - Morandi, De Amicis, Mazzini, Aldo Moro, Avogli
CPP Erbosa - Villa Torchi, Marsili, Ercolani, Chiostri, Grosso
Cpp Fossolo - Cremonini Ongaro, Tempesta, Savio, Pavese Sanzio e Longhena.
La scelta delle scuole è stata effettuata attraverso precisi criteri di selezione per rappresentare tutte le casistiche presenti sul territorio comunale.
La durata del progetto è di 4 anni. In ogni anno si verificano 3 clicli di rilevazione degli scarti. Ogni ciclo prevede 5 settimane di rilievo quantitativo degli scarti di primo, secondo e contorno (con pesatura) e una settimana di rilievo qualitativo (con questionario di classe).

Ultimo aggiornamento: giovedì 09 maggio 2019