Tatuaggi e piercing

TATUAGGIO:
l’attività inerente all’inserimento di pigmenti anche di diverso colore nel derma con lo scopo di creare un effetto decorativo permanente sulla pelle;

PIERCING:
l’attività inerente all’inserimento cruento di anelli metallici di diversa forma e fattura o altri oggetti in varie zone del corpo.

Gli operatori che svolgono l’attività di tatuaggio e di piercing, possono esercitare l’attività solo dichiarando al Settore Attività Produttive e Commercio la frequenza di un percorso formativo obbligatorio organizzato dall'Azienda Usl e secondo le indicazioni tecniche contenute nelle linee guida approvate dalla Giunta regionale con delibera n. 465 del 11/04/2007.

L'Azienda U.s.l. organizza il suddetto percorso formativo che è obbligatorio entro 1 anno dall’inizio dell’attività coincidente con la presentazione della S.C.I.A. al SUAP.

Per ulteriori informazioni sulle date di svolgimento e modalità di iscrizione al corso contattare il Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda U.s.l. di Bologna


Disposizioni specifiche per attività di tatuaggio e piercing
1. È fatto obbligo a chi esercita l’attività di tatuatore e di piercing di richiedere all’interessato, se maggiorenne, oppure ai genitori o a chi esercita la patria potestà, se minorenne, tutte le informazioni utili per praticare l’attività di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza; è fatto inoltre obbligo di fornire informazioni sulle modalità di esecuzione e sui rischi connessi allo specifico trattamento richiesto.

2. L’operatore deve acquisire il consenso informato dell’interessato all’esecuzione del trattamento. Qualora il soggetto che chiede l’intervento di tatuaggio e piercing sia di età inferiore ai 18 anni, si deve acquisire il consenso di chi esercita la patria potestà, con la sola esclusione del piercing al lobo dell’orecchio richiesto da minori di età compresa tra i 14 e i 18 anni.

3. Non sono ammessi il tatuaggio e il piercing su parti anatomiche la cui funzionalità potrebbe essere compromessa da tali trattamenti o in parti in cui la cicatrizzazione sia particolarmente difficoltosa.

L'apertura di nuovi esercizi di tatuatore e piercing, il subingresso e le modifiche dei locali esistenti e delle attrezzature è soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) con efficacia immediata. Alla S.C.I.A. devono essere allegati gli elaborati necessari ed una dichiarazione del titolare o del legale rappresentante dell’impresa, redatta secondo apposita modulistica, circa:

- il possesso dei requisiti professionali,  il rispetto della normativa antimafia (D. Lgs. 159/2011) e dei requisiti morali di cui all’art. 11 del T.U.L.P.S.

- il rispetto delle modalità operative descritte nelle schede tecniche approvate con delibera di Giunta Comunale PG.147578/2008;

- il rispetto dei requisiti igienici previsti nel Regolamento comunale e nelle schede informativa allegata

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.), deve essere presentata al Settore Attività Produttive e Commercio del Comune di Bologna tramite il sistema telematico SUAPBO utilizzando la modulistica presente in SUAPBO.

Deve essere altresì comunicato al Comune, utilizzando la modulistica appositamente predisposta in SUAPBO, la variazione della forma giuridica, della composizione societaria, della ragione sociale, del Direttore Tecnico, la modifica delle attrezzature, la cessazione della carica di Direttore Tecnico e la cessazione dell’attività, la sospensione e la riattivazione dopo la sospensione.

Modalità di presentazione delle pratiche

Ogni comunicazione (Scia) relativa all'attività deve avvenire esclusivamente on line utilizzando il sistema SUAPBo o, in caso di problemi tecnici utilizzando l'indirizzo di posta elettronica certificata suap@pec.comune.bologna.it.

Si precisa in ogni caso che l'utilizzo della modulistica è quella scaricabile dal sito della Provincia (http://www.provincia.bologna.it/suap )

L'utilizzo di modalità diverse (cartaceo, fax, posta) comporterà l'irricevibilità della pratica che verrà comunicata al richiedente.

L'apertura di nuovi esercizi di acconciatore, estetista, tatuatore e piercing, il subingresso, il trasferimento di sede, le modifiche dei locali e dei box potranno essere comunicate esclusivamente in via telematica.

Gli uffici dello Sportello Attività Produttive sono comunque disponibili a fornire le informazioni necessarie.

Il SUAP, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti previsti, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attivita' e di rimozione degli eventuali suoi effetti dannosi, salvo che, ove cio' sia possibile, l'interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attivita' ed i suoi effetti entro un termine fissato, in ogni caso non inferiore a trenta giorni. E' fatto comunque salvo il potere del SUAP di assumere provvedimenti di annullamento o revoca. In caso di dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell'atto di notorieta' false o mendaci, l'amministrazione, ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali previste, puo' sempre e in ogni tempo adottare i provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attivita' e di rimozione degli eventuali suoi effetti dannosi.

I moduli sono pubblicati nella sezione "modulistica" accessibile da questa pagina.

Riferimenti organizzativi:

Unità Intermedia Attività Produttive e Commerciali - Dott. Fabrizio Fugattini
Unità Operativa Responsabile U.O. Somministrazione, manifestazioni ed artigianato - Dott.ssa Tiziana Spedicato
Responsabile del Procedimento: Dott. Fabrizio Fugattini

 

pagina aggiornata il 04 novembre 2013

Competenza

Settore Attività Produttive e Commercio
  • Responsabile direzione: Pierina Martinelli