Bando posteggi 2017

Bando posteggi 2017

  • A cosa serve segnalare i dati del dante causa? vedi

    Segnalare l'anzianità di iscrizione al registro imprese dei dante causa serve per il calcolo del punteggio di cui al paragrafo 4, comma 1, punto a1) del bando, che si riporta di seguito per comodità:

    a1) anzianità dell’esercizio dell’impresa (al 31 dicembre 2016), comprovata dall’iscrizione al registro delle imprese, per l’attività di riferimento, anche per periodi discontinui, riferiti al medesimo soggetto giuridico; l’anzianità è riferita a quella del soggetto titolare al momento della partecipazione al bando cumulata a quella dell’eventuale dante causa. Si imputa come propria a coloro che erano titolari di autorizzazione al 5 luglio 2012 tutta l’anzianità di attività maturata fino a quella data da tutti i precedenti titolari di un medesimo titolo abilitativo.

    Punteggi:

    - anzianità di iscrizione fino a 5 anni = punti 40

    - anzianità di iscrizione maggiore di 5 anni e fino a 10 anni = punti 50

    - anzianità di iscrizione oltre 10 anni = punti 60;

    Pertanto che ove l'anzianità di iscrizione al registro imprese (anche per periodi discontinui) dell'impresa richiedente sia pari o superiore a 10 anni si conteggerà il punteggio massimo (60 punti) e non servirà segnalare alcun dante causa.

    Con riferimento ai criteri aggiuntivi di cui al punto a3) l'anzianità del dante causa non serve poichè detti criteri sono calcolati con esclusivo riferimento all'impresa richiedente

     

     

    aggiornata 27/01/2017

     

  • Chi è il dante causa ? vedi

    Il dante causa è l'immediato cedente, cioè l'operatore al quale si subentra a qualsiasi titolo (ad esempio reintestazione, compravendita, conferimento, donazione, affittanza, comodato, fusione, ecc....)

    aggiornata 17/01/2017

     

     

  • La reintestazione vedi

    E' possibile effettuare una reintestazione, ma in tal caso l'operatore che si reintesta, così come colui che acquista un posteggio dopo il 31 dicembre 2016, non potrà godere del punteggio (pari a 40 punti) di cui al paragrafo 4, punto a2 del bando, poichè esso è riservato esclusivamente al soggetto che risulta titolare della concessione alla data, appunto, del 31 dicembre 2016.

    Ovviamente, soprattutto nel caso della Piazzola, ove una graduatoria verrà certamente formata al fine di effettuare la riduzione dei posteggi prevista, venendo meno quel punteggio già l'operatore parte svantaggiato, oltre ad un eventuale svantaggio ulteriore in caso di soggetto recentemente iscritto in camera di commercio.

    aggiornata 11/01/2017

     

  • Come rimediare agli errori nella compilazione delle domande? vedi

    Nella compilazione della domanda e delle eventuali integrazioni ci sono carenze o errori che non determinano l'esclusione dal Bando.

    Errori e carenze che possono essere integrate (esempi)

    - errore nel digitare il dato relativo alla pratica di subingresso (numero di protocollo e/o data)

    - errore nel digitare l’indirizzo di posta elettronica

    E’ possibile inviare una Pec a suap@pec.comune.bologna.it con il dato corretto

    Errori e carenze che determinano l’esclusione dal Bando (punto 10 del Bando)

    - la spedizione delle domande al di fuori dal termine e con modalità diverse da quelle previste dal presente bando; (errore insanabile)

    - la mancata sottoscrizione della procura speciale in forma autografa da parte del richiedente non in possesso di firma digitale. Si precisa infatti che, qualora l’istanza venga inviata da un intermediario, le certificazioni relative al richiedente ivi contenute saranno presentate con la sua firma digitale (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda);

    - nel caso di società, la mancata autocertificazione del possesso dei requisiti morali da parte dei soci con poteri di amministrazione (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda);

    - la mancanza delle dichiarazioni ai fini antimafia (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda);

    - la mancata autocertificazione del possesso dei requisiti morali e professionali per l’attività del settore alimentare o dell’eventuale soggetto preposto alla vendita in possesso dei requisiti (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda);

    - la mancanza della copia del documento di identità (se i firmatari non sono in possesso di firma digitale) o della copia del permesso di soggiorno -e copia della ricevuta della richiesta di rinnovo se il permesso scade entro 30 giorni- (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda);

    - l’omissione, l’illeggibilità e la non identificabilità di uno degli elementi identificativi del richiedente (errore insanabile: occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda).

    In caso ci si renda conto troppo tardi che un allegato inviato era illeggibile o errato occorre inviare una Pec ad oggetto “annullamento della domanda di partecipazione al bando 2017, P.G. n. ………… inviata il ………………” a suap@pec.comune.bologna.it e compilare una nuova domanda

     

    aggiornata 18/01/2017

     

  • L'iscrizione in camera di commercio vedi

    Nella compilazione del modulo occorre selezionare:

    - iscritta senza precedenti dante causa (se si è concessionari del posteggio da SEMPRE)

    - iscritta e ho effettuato subingressi successivamente al 5/7/2012 (se si è concessionari di un posteggio a seguito di un subingresso avvenuto dopo il 5/7/2012)

    - iscritta e non ho effettuato subingressi successivamente al 5/7/2012 (se si è concessionari di un posteggio a seguito di un subingresso avvenuto prima del 5/7/2012 (ovviamente non ci devono essere successivi subingressi)

     

    aggiornata 11/01/2017

     

  • Quando si possono effettuare subingressi per affittanza o compravendita? vedi

     

    Attenzione: lo spartiacque per affittanze e compravendite è il rilascio del nuovo titolo a conclusione delle procedure del bando 2017, come meglio specificato di seguito.
    AFFITTANZA: prima del rilascio dei nuovi titoli a conclusione delle procedure relative al bando posteggi 2017 i posteggi interessati potranno essere ceduti in affitto solo ed esclusivamente fino al 31.12.2018 (solo per i posteggi di commercio su aree pubbliche, mentre per i posteggi afferenti ad altre attività rimane valida la data di scadenza indicata in concessione).
    Dopo il rilascio dei nuovi titoli il contratto stipulato con riferimento agli stessi potrà invece avere durata anche successiva al 31.12.2018 (o alla data indicata in concessione per le attività di edicola, somministrazione e laboratorio).
    COMPRAVENDITA: se si acquista un posteggio prima del rilascio dei nuovi titoli lo stesso rimarrà utilizzabile solo ed esclusivamente fino al 31.12.2018 (solo per i posteggi di commercio su aree pubbliche, mentre per i posteggi afferenti ad altre attività rimane valida la data di scadenza indicata in concessione), poichè la domanda a bando (sulla base della quale non può essere vantato ALCUN diritto prima della pubblicazione delle graduatorie definitive) è stata presentata da un soggetto che ha ceduto il posteggio.
    Dopo il rilascio dei nuovi titoli il contratto di compravendita stipulato con riferimento agli stessi darà invece diritto all'acquirente di svolgere l'attività nel posteggio anche dopo il 31/12/2018 (solo per i posteggi di commercio su aree pubbliche, mentre per i posteggi afferenti ad altre attività rimane valida la data di scadenza indicata in concessione).