- Coronavirus - http://www.comune.bologna.it/coronavirus -

Limitazioni e azioni

Emilia-Romagna zona arancione

L’Emilia-Romagna è in zona arancione a partire dal 21 febbraio 2021.

Leggi le domande e le risposte del Governo sulla zona arancione.
Leggi le domande e le risposte della Regione sulla zona arancione.

Spostamenti

Autodichiarazione modulo per gli spostamenti (file .pdf).

Puoi spostarti:

  • dalle 5 alle 22 solo all’interno del tuo Comune (senza giustificazione)
  • puoi fare visita a parenti o amici, una volta al giorno e solo all’interno del tuo Comune, al massimo in 2 persone oltre a minori di 14 e disabili o non autosufficienti conviventi
  • è sempre vietato spostarsi tra regioni diverse
  • puoi sempre spostarti per motivi di salute, lavoro o necessità (è compresa l’assistenza a anziani e l’acquisto di beni alimentari e di prima necessità compilando l’autodichiarazione )
  • puoi spostarti in un altro Comune fino a 30 km di distanza se abiti in un piccolo Comune (fino a 5mila abitanti). Non puoi andare nel capoluogo di provincia
  • puoi sempre far rientro alla tua residenza, al tuo domicilio o alla tua abitazione (anche verso le seconde case dentro e fuori regione)

È vietato spostarsi dalle 22 alle 5 (tranne che per motivi di lavoro, salute e necessità compilando l’autodichiarazione). Le forze dell’ordine statali e locali forniscono il modulo direttamente in caso di controllo.

Ricorda: puoi provare la giustificazione del motivo di lavoro anche esibendo la documentazione fornita dal datore di lavoro come tesserini o simili.

Per chi rientra dall’estero: leggi le regole in vigore.

Scuola

Nidiscuola dell’infanziaelementari e medie: l’attività educativa e didattica continua a svolgersi in presenza.
Mascherina obbligatoria dai 6 anni in su ( tranne per chi ha patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina).

Scuole superiori:  l’attività didattica si svolge in presenza per almeno il 50% degli studenti e fino a un massimo del 75%.
Resta sempre garantita l’attività in presenza per l’uso dei laboratori e per gli alunni con disabilità o bisogni educativi speciali.

Biblioteche e musei

I musei, le mostre e gli altri istituti e luoghi della cultura sono chiusi al pubblico.
Le sale studio nelle biblioteche comunali sono chiuse: leggi come funziona.
Salaborsa Popup resta aperta: leggi come funziona.
Le biblioteche sono aperte solo per il ritiro dei libri prenotati: leggi come funziona.
È attivo il  il servizio gratuito di prestito a domicilio: leggi come funziona.

Ristorazione

  • bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, etc. sono aperti esclusivamente per l’asporto dalle 5 alle 22
  • nei bar e altri servizi simili senza senza cucina (codice ATECO 56.3) e nei negozi di bevande (codice ATECO 47.25) l’asporto è permesso fino alle 18
  • è vietato consumare sul posto o nelle adiacenze
  • la consegna a domicilio è sempre consentita senza limiti di orario

Negozi e centri commerciali

  • tutti i negozi sono aperti nei giorni feriali
  • i negozi all’interno di centri e gallerie commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi. Sempre aperti farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi e edicole

Misure sempre valide

Spostamenti

Su tutto il territorio nazionale è vietato spostarsi tra regioni diverse fino al 27 marzo 2021: lo stabilisce il decreto legge 23 febbraio 2021, n. 15.

Divieto di assembramento

Ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico è vietata.

Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica, a condizione che siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento.

Salute, quarantena e isolamento

Chi è sottoposto alla quarantena e chi risulta positivo al coronavirus non deve muoversi dalla propria abitazione.

Le persone con sintomi da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5° devono restare in casa, limitare al massimo le relazioni sociali e chiamare il proprio medico curante.

Non andare al Pronto soccorso se pensi di avere sintomi legati al virus: rivolgiti al medico di Medicina generale per avere maggiori informazioni, oppure chiama il numero verde 800033033 della Regione Emilia-Romagna o il numero 1500 attivato dal Ministero della Salute.
In caso di urgenze è sempre attivo il 118.

Mascherine

È obbligatorio avere sempre con sé le mascherine e indossarle nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto tranne che se sei isolato.

Non sono obbligatorie per:

Puoi indossare mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera, garantire comfort e respirabilità, forma e aderenza tali da coprire dal mento al di sopra del naso.

Si ricorda che le mascherine FFP2 e FFP3 con valvola espiratoria sono protettive per chi le indossa ma, permettendo l’uscita libera e non filtrata non proteggono le persone circostanti. Per proteggere anche le persone circostanti, vanno quindi utilizzate le mascherine FFP2 e FFP3 senza valvola. Nel caso di utilizzo di quelle con valvola espiratoria è necessario indossare in aggiunta una mascherina chirurgica.

Impara a utilizzare correttamente le mascherine.

Piazze e strade

Dal 12 novembre è vietato l’utilizzo delle piazze e delle strade del centro storico per ogni tipo di manifestazione, iniziativa ed evento (ordinanza 465481/2020).

È inoltre vietato l’accesso e la permanenza in Piazza San Francesco, Piazza Verdi, Piazza Scaravilli e in una porzione di Piazza Aldrovandi.

PIAZZA SCARAVILLI
È vietato entrare e fermarsi in Piazza Scaravilli tutti i giorni dalle 18 alle 6. Puoi entrare passare per entrare nelle aule universitarie.
Leggi l’ordinanza.

PIAZZA S.FRANCESCO
Piazza San Francesco è chiusa tutti i giorni dalle 20 alle 6
Leggi l’ordinanza.

PIAZZA VERDI
È vietato entrare e fermarsi in Piazza Verdi tutti i giorni dalle 18 alle 6.
Puoi passare in bici e in auto, accedere ai tavolini dei bar e locali che si affacciano nella piazza.
Il mercato di Campi Aperti del lunedì può tenersi regolarmente.
Leggi l’ordinanza.

PIAZZA ALDROVANDI
È vietato entrare e fermarsi in Piazza Aldrovandi tutti i giorni dalle 18 alle 6 (nella parte davanti ai numeri civici 12 e 12/A-B-C) .
Le persone che devono recarsi ai civici 12 e 12/A possono passare.
Leggi l’ordinanza.

Mercati

Da sabato 28 novembre, l’ordinanza 499350 del Sindaco Merola dispone la riapertura di tutte le attività di commercio su area pubblica.

Sono sospesi:

I titolari dei posteggi per poter rimanere aperti devono obbligatoriamente assicurare:

Acconciatori, barbieri ed estetisti

Queste attività a Bologna possono restare aperte anche per più di 12 ore giornaliere: lo dispone l’ordinanza di venerdì 29 maggio.

Parchi e giardini pubblici

L’ingresso ai parchi è consentito a persone senza sintomi da infezione respiratoria e febbre e non soggette a misure di quarantena.

Si può

Non si può

Nelle aree giochi:

Orti comunali 

Gli orti comunali sono aperti dalle 7 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 21. L’acqua è disponibile in questa fascia oraria, ma nel periodo estivo bisogna rispettare l’ordinanza sul risparmio idrico, che ne vieta l’uso dalle 10 alle 18.

Come si entra:

Negli orti puoi:

Negli orti devi:

Negli orti è vietato:

L’uso dei servizi igienici comuni, dei padiglioni e delle aree per il ricovero degli attrezzi è strettamente subordinato alle misure di igienizzazione e disinfezione.

Cimiteri, visite ai defunti e funerali

I cimiteri comunali di Certosa e Borgo Panigale sono aperti. Le persone con disabilità possono contattare Bologna Servizi Cimiteriali ai numeri 051 6150811-13-14 per aver aiuto per poter visitare i propri defunti.
Quando:

Come:

Ingressi Certosa:

L’ingresso principale (“Chiesa Certosa”) è aperto ma transennato, per separare i cortei funebri, che possono raggiungere l’area antistante la Chiesa, dall’entrata dei visitatori, che potranno dirigersi verso la parte monumentale del cimitero o verso il Campo Nuovo. 

Ingressi Borgo Panigale:

Cerimonie funebri
Possono partecipare 15 persone al massimo, indossando le mascherine e rispettando la distanza di sicurezza di almeno 1 metro.
Non sono ammessi gli assembramenti e i cortei di accompagnamento al trasporto del feretro.
Leggi tutte le informazioni sul sito di Bologna Servizi Cimiteriali

Attività commerciali al dettaglio

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono nel rispetto delle linee guida regionali per il commercio al dettaglio in sede fissa. In particolare bisogna assicurare:

Tutti gli esercizi commerciali, i locali pubblici e aperti al pubblico devono esporre un cartello all’ingresso del locale con il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale.

Dal 5 febbraio 2021 gli esercizi di vicinato del settore alimentare e misto del centro storico non possono vendere bevande alcoliche dalle 18 alle 6 (fino a domenica 21 febbraio).
Leggi l’ordinanza sulla vendita di bevande alcoliche

Ristorazione, bar, pasticcerie

L’attività deve avvenire nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale, in particolare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
Ogni tavolo può ospitare al massimo 4 persone se non tutte conviventi.

Per gli esercenti è obbligatorio esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse   contemporaneamente nel locale.

Leggi i Protocolli regionali di sicurezza.

Sport 

Puoi fare sport all’aperto (corsa, ciclismo) rispettando sempre la distanza di sicurezza di almeno due metri  (tranne nel caso in cui si tratti di congiunti conviventi, di minori o persone non completamente autosufficienti).

Puoi fare attività motoria all’aperto, rispettando sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro.

minori o le persone non completamente autosufficienti possono svolgere le attività con un accompagnatore

Vai alle domande sullo sport.

Sport di contatto
Lo sport di contatto è vietato. Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni riconosciuti di interesse nazionale o regionale.

Sono sospese l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto, anche a carattere ludico-amatoriale.

Palestre, piscine, centri sportivi

Dal 1° febbraio si possono usare le palestre scolastiche e gli impianti sportivi al chiuso: lo stabilisce un’ordinanza del Sindaco Merola.
È obbligatorio fare il tampone ogni 15 giorni ed è vietato l’utilizzo delle docce.
Leggi come funziona.

Dal 26 ottobre sono sospese le attività di palestrepiscinecentri natatori.

È vietato l’uso degli impianti  sportivi pubblici al chiuso, comprese le piscine e le palestre scolastiche per le attività extracurriculari.
È consentito utilizzare gli impianti solo dove è possibile l’attività motoria e sportiva all’aperto. Leggi l’ordinanza 438133/ 2020.

L’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto del distanziamento fisico e senza assembramento e delle linee guida approvate.

Centri culturali, centri sociali, centri ricreativi

Dal 26 ottobre sono sospese le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Cinema, teatri

Dal 26 ottobre gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono sospesi.

Sale giochi, bingo

Le sale slot, sale giochi, bingo e scommesse sono chiuse (dal 26 ottobre). Dal 6 novembre sono sospese anche le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.

Concorsi

Dal 6 novembre è sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché ad esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale.

Convegni, congressi

Tutte le attività convegnistiche o congressuali sono sospese dal 19 ottobre 2020, tranne quelle che si svolgono a distanza.

Gite scolastiche

Dal 13 ottobre 2020 sono sospesi i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio e gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche programmate dalle scuole.

Fiere, sagre

Le fiere di qualunque genere, le sagre e gli eventi analoghi sono vietati dal 26 ottobre