Riconoscimento del figlio naturale

Il riconoscimento del figlio naturale (concepito da persone tra loro non unite dal vincolo matrimoniale), può essere fatto davanti all'Ufficiale di Stato Civile nei seguenti casi:

  • prima della nascita del bambino:
    • dalla sola madre;
    • da entrambi i genitori;
    • dal padre, dopo il riconoscimento della madre e previo il consenso della stessa.
  • in sede di dichiarazione di nascita del bambino
  • dopo la dichiarazione di nascita del bambino
    • dalla sola madre;
    • da entrambi i genitori;
    • dal solo padre.

Se il riconoscimento è fatto da un genitore non italiano, ma comunitario o extracomunitario, lo stesso deve produrre all’ufficiale dello stato civile, una certificazione rilasciata dall’Autorità competente del proprio Paese, attestate che la persona è capace di riconoscere un figlio naturale, secondo la legge nazionale (art.35, Legge 31 maggio 1995, n. 218 “Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato”).

Nota bene: in tutti i casi la dichiarazione di riconoscimento è resa senza la presenza di testimoni

Requisiti

Il riconoscimento può essere effettuato dal/i genitore/i biologico/i che all'atto del riconoscimento ha/hanno compiuto 16 anni.

Documentazione necessaria

Per la documentazione occorrente, che varia a seconda della casistica, nonché per ulteriori chiarimenti, è consigliabile rivolgersi direttamente all'Ufficio Nascite - Cittadinanza.

Dove rivolgersi


caricamento in corso...

Competenze

Normativa di riferimento »

Codice Civile art. 250 e segg.

L. 30 maggio 1995, n. 218 - Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato

D.P.R. n. 396 del 3 novembre 2000 - Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello Stato Civile, a norma dell'art.2 c. 12 L. 127 del 15 maggio 1997

Ultimo aggiornamento: giovedì 03 novembre 2011