Raccolta differenziata al Centro di Accoglienza Sociale Lazzaretto

A seguito del bando promosso dal quartiere Navile per la realizzazione di attività di inclusione sociale in alcuni luoghi del quartiere, il settore Ambiente ed Energia del Comune ha affidato a Cantieri Meticci la realizzazione del progetto "Raccolta differenziata al Centro di Accoglienza Sociale Lazzaretto" tramite "Ricicl Arti: laboratori di artigianato artistico per far vivere il territorio".

Il progetto si è svolto da gennaio a marzo 2018, presso l’area di via del Lazzaretto, con l'obiettivo di sensibilizzare e sostenere gli ospiti delle 8 strutture, gestite da diverse cooperative e coordinato da ASP, accompagnandoli in un percorso ecologico da far proprio e da integrare nella quotidianità fino al raggiungimento di una completa autonomia.

Il percorso, partito con gli utenti che obbedivano passivamente e con qualche diffidenza senza coglierne a pieno il senso, ha via via dato a tutti una nuova consapevolezza e fiducia circa l'importanza e il senso della corretta differenziazione e del riciclo dei materiali, che collega tutti in modo responsabile, attivo e creativo al resto del mondo. Un'occasione tanto semplice quanto preziosa, per riconnettere la propria proiezione di sè all’ambiente globale, a partire dalla percezione attiva e ricreativa del proprio spazio. E' questo forse uno dei motivi del successo dell'intervento di Cantieri Meticci al Lazzaretto, dove gli abitanti hanno mostrato interesse attivo, desiderio di partecipazione e collaborazione, e gratitudine.

Con cadenza regolare sono state inviate mail a tutti gli interessati con osservazioni e proposte, frutto di costanti sopralluoghi, verifiche, ascolto e scambio, creando così un'efficace rete di condivisione operativa. Inoltre è stato "analizzato" il contenuto dei cassonetti, fornendo una "traduzione" chiara e utile a tutti, ed elaborando i dati ricavati in tutta l'area, in interventi necessari a far decollare stabilmente la pratica della raccolta differenziata. Grazie alla collaborazione con i responsabili di Hera, si è potuto vagliare tempestivamente la sostenibilità delle proposte e sono state create liste condivise di interventi specifici da prevedere in ciascuna struttura.
E' stata così aggiunta una campana verde e i relativi ecobox; sono state riorganizzate, ottimizzate e completate le varie dotazioni interne ed esterne per la raccolta con l’aggiunta sui contenitori di simboli e disegni per rendere più comprensibile, automatica e familiare la suddivisione dei materiali. Inoltre è stato creato un punto di raccolta per gli oggetti ingombranti da smaltire una volta a settimana. Sono stati svolti interventi mirati a superare alcune difficoltà emerse anche attraverso un'opera di costante mediazione generale, avvalendsi della collaborazione dei gestori.

Molto importante è stato anche il contatto diretto con gli abitanti dell’area per fornire, con un approccio amichevole, i materiali, le varie indicazioni e supportarli nella differenziazione, coninvolgendoli attivamente nel progetto tramite: proiezione di video educativi e divertenti sulla raccolta differenziata, presentazione di immagini ad impatto emotivo sui disastri ambientali provocati dalla plastica nei mari e oceani, considerazioni sul ciclo dei rifiuti nei diversi paesi di origine, laboratori sul riciclo creativo e creazione di manufatti per l'utilizzo locale, giochi a quiz, rap e danza.

Il risultato del percorso è stata una diminuzione consistente dei rifiuti indifferenziati a favore di una raccolta differenziata divenuta esemplare.

Il progetto è riuscito anche grazie al coordinamento e all'impegno degli operatori dell'ASP che quotidianamente agiscono in questa complessa realtà.

FESTA AL LAZZARETTO DEL 13 MAGGIO 2018

foto1



foto1
foto3
foto6
foto4
foto2
foto7
foto5
foto8
foto9
foto10
foto11
foto12
foto13
foto14

Competenze

Ultimo aggiornamento: giovedì 31 maggio 2018