Documenti

Link

ROCK

L’obiettivo generale di ROCK è quello di sostenere - attraverso un piano d'azione per la rigenerazione - una trasformazione sistemica di centri storici degradati o poco vivibili, attraverso la generazione di nuovi processi ambientali, sociali, economici e sostenibili mediante la combinazione di sviluppi ordinari e straordinari.

La ricchezza civica, l’architettura unica e le attività pubbliche e private che caratterizzano i centri storici sono purtroppo spesso accompagnati da alterazioni e degrado sociale dovuto alla mancanza di sicurezza, alla gestione inefficiente degli spazi, alle pressioni ambientali.
All'interno del progetto  ROCK  il tema della sostenibilità ambientale è trasversale a tutte le attività. Il progetto è stato infatti presentato sull'asse di finanziamento HORIZON 2020 – Programma 2016 – 2017  Climate action, environment, resource efficiency and raw materials- Call Greening  the economy - Topic SC5-21 Cultural heritage as a driver for sustainable growth.sociale dovuto alla mancanza di sicurezza, alla gestione inefficiente degli spazi, alle pressioni ambientali.

Alla base di ROCK, due concetti-guida:
- la città creativa, che riconosce la creatività come fattore strategico per lo sviluppo sostenibile per quanto
riguarda gli aspetti economici, sociali, culturali e ambientali (come definito dall'UNESCO);
- la città della conoscenza, caratterizzata da un'economia basata sulla conoscenza (knowledge-based city), utilizzata, appunto, come punto di riferimento primario e come motore per le dinamiche socioeconomiche e tecnologiche.

L’idea di città circolare applicata nel progetto Rock consiste nel considerare il patrimonio culturale non come una statica presenza oggettuale testimone di valori consolidati e destinataria di azioni finanziarie ma come il miglior risultato, in costante aggiornamento, di tutte le azioni di trasformazione sostenibile della città. Il modello culturale, la cui matrice è la vitalità della città storica italiana, è quello di un continuo sforzo di riconoscimento della città, delle sue permanenze e delle sue trasformazioni, dei suoi valori come patrimonio e bene comune, affiancando in un flusso senza soluzione di continuità la conservazione, l’innovazione e la tutela ambientale.
La finalità ultima è una integrazione tra azioni di memoria e azioni di innovazione sostenibile (tecnologica, ambientale e digitale) per un
reciproco rafforzamento.

In questo contesto i centri storici diventano quindi aree dove:
· testare nuove formule di rigenerazione e nuove modalità di accesso ai beni culturali
· promuovere una nuova percezione della proprietà collettiva come patrimonio comune e condiviso e quindi sostenere la coesione sociale
· favorire la fruibilità degli spazi per tutte le tipologie di utenti anche con il supporto delle tecnologie ICT
· sperimentare soluzioni per attrarre residenti, studenti, turisti, attività, eventi e operatori culturali, trasformandoli in motore per la qualità economica, sociale, culturale ed ambientale delle città.



Avvio progetto: Aprile 2017
Conclusione progetto: Aprile 2020
Programma di finanziamento: Horizon 2020
Finanziamento complessivo progetto: € 9.000.000
Finanziamento partnerariato città di Bologna: € 2.000.000

Ultimo aggiornamento: martedì 27 giugno 2017