Mappa acustica strategica e Piano d'Azione (aggiornamento 2017/2018)


Mappa acustica strategica (aggiornamento 2017)

Il D.Lgs 194/05 “Attuazione della Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione ed alla gestione del rumore ambientale” apporta delle sostanziali novità in materia acustica e nuovi obblighi per gli Enti territoriali competenti e per i gestori delle infrastrutture di trasporto.

Il Decreto introduce l'obbligo di elaborare la Mappa acustica strategica degli agglomerati urbani, cioè una mappa in cui viene rappresentata la rumorosità prodotta dalle varie sorgenti presenti sul territorio al fine di determinare l'esposizione della cittadinanza al rumore globale.
Nella Mappa acustica strategica, in particolare, è rappresentata la distribuzione dei livelli di rumore Lden (livello diurno/serale/notturno) e Lnight (livello notturno) sul territorio per effetto di tutte le sorgenti sonore in esso presenti (strade ed autostrade, ferrovie, aeroporto).
La mappa si distingue dunque dalla Classificazione acustica del territorio comunale, rispondente alla Legge 447/95, che rappresenta invece i valori limite di rumorosità da rispettarsi nel territorio comunale.

La Mappa acustica strategica è il passaggio propedeutico alla redazione del Piano d’azione, ossia il piano per la gestione dell'inquinamento acustico, dove sono individuati interventi ed azioni orientati ad evitare e ridurre il rumore ambientale, nonché a conservare la qualità acustica nell'ambiente quando essa è buona.
Come previsto dal decreto la Mappa acustica strategica deve essere riesaminata e, se ritenuto necessario, rielaborata ogni 5 anni.

Nella presente pagina è pubblicato l’aggiornamento, riferito alla scadenza del 2017, della Mappa acustica strategica dell’Agglomerato di Bologna.
In base a quanto individuato dalla Regione Emilia-Romagna, l’Agglomerato di Bologna (identificato con il codice IT_a_ag00002) è costituito dall’insieme dei Comuni di Bologna, Casalecchio di Reno, Calderara di Reno, Castel Maggiore e San Lazzaro di Savena, per una superficie totale di 274,66 kmq ed un numero complessivo di 492.507 residenti.

La Mappa acustica strategica è costituita dagli elaborati di seguito sintetizzati:
- Relazione tecnica, in cui è descritta la metodologia secondo cui è stato elaborato l’aggiornamento;
- Elaborati grafici, in cui sono rappresentati (per ciascun Comune dell’Agglomerato e, per il Comune di Bologna,
per ciascun Quartiere) i livelli sonori Lden e Lnight  per singole sorgenti infrastrutturali e complessivi;
- Tabelle di esposizione ai livelli di rumore, redatte secondo i criteri stabiliti dalla Commissione Europea.
- Sono state inoltre predisposte le mappe di conflitto, in cui sono visualizzati i superamenti dei valori limite.

La Mappa acustica strategica è stata approvata dai Comuni facenti parte dell’Agglomerato di Bologna con i seguenti atti:
Comune di Bologna, delibera di Giunta comunale n. 254 del 17.10.2017;
Comune di Calderara di Reno, delibera di Giunta comunale n. 91 del 12.10.2017;
Comune di Casalecchio di Reno, delibera di Giunta comunale n. 109 del 03.10.2017;
Comune di Castel Maggiore, delibera di Giunta comunale n. 94 del 13.10.2017;
Comune di San Lazzaro di Savena, delibera di Giunta comunale n. 174 del 19.10.2017.

Tutti gli elaborati sono pubblicati a questo link





Piano d'Azione (aggiornamento 2018)


Il Piano d’azione individua gli interventi e le azioni orientati ad evitare e ridurre il rumore ambientale, ed è stato adottato, per quanto di propria competenza, dai Comuni facenti parte dell’Agglomerato con i seguenti atti:

- Comune di Bologna, con Delibera di Consiglio Comunale 296/2018;
- Comune di Calderara di Reno, con Delibera di Consiglio Comunale 14/2018;
- Comune di Casalecchio di Reno, con Delibera di Consiglio Comunale 36/2018;
- Comune di Castel Maggiore, con Delibera di Consiglio Comunale 20/2018;
- Comune di San Lazzaro di Savena, con Delibera di Consiglio Comunale 19/2018.

Con la pubblicazione dell’avviso sul BURERT n. 149/18 e sugli Albi pretorio comunali, l’Agglomerato di Bologna ha provveduto a pubblicare il Piano d’azione adottato, in conformità a quanto previsto dal D.Lgs 194/05, per la durata di 45 giorni, dal 30.05.2018 al 13.07.2018.

Durante i 45 giorni di pubblicazione non sono pervenute osservazioni pertinenti al Piano d’azione dell’Agglomerato di Bologna.

Il Piano d’azione è stato infine approvato dai Comuni facenti parte dell’Agglomerato, ognuno per le parti di propria competenza, con i seguenti atti:

Comune di Bologna: Delibera di Consiglio Comunale 364/2018;
Comune di Calderara di Reno: Delibera di Consiglio Comunale 29/2018;Comune di Casalecchio di Reno: Delibera di Consiglio Comunale 62/2018;
Comune di Castel Maggiore: Delibera di Consiglio Comunale 45/2018;
Comune di San Lazzaro di Savena: Delibera di Consiglio Comunale 28/2018.

Il Piano d’azione ha valutato, partendo dalle informazioni riportate nella Mappa acustica strategica, le aree che, in riferimento al rumore indotto dalle strade di competenza comunale, risultano più critiche.
A tal fine è stata elaborata la Mappa delle priorità che rappresenta, a livello di Agglomerato, le aree acusticamente più sofferenti in termini di livelli di rumore, di superamenti dei limiti normativi e di densità di popolazione.
Dall’analisi delle criticità a livello di Agglomerato, nonché in base alla conoscenza da parte delle rispettivi Comuni del territorio e delle potenziali azioni da mettere in atto, sono state individuate 5 aree di intervento nel Comune di Bologna, 2 nel Comune di Casalecchio di Reno, 1 nel Comune di
Calderara di Reno, 1 nel Comune di Castel Maggiore, 1 nel Comune di San Lazzaro di Savena.
La Mappa delle priorità, con l’individuazione delle 10 aree inserite nel Piano d’azione, è scaricabile dalla presente pagina web (immagine in alto a destra).

Per ognuna delle aree sono stati valutati i benefici acustici connessi alla realizzazione di specifici interventi (già approvati o che saranno pianificati da altri strumenti di pianificazione), di seguito sintetizzati.

Comune di Bologna
- strada SP65 della Futa, che nasce già mitigata e che andrà a scaricare via Toscana;
- strada Nuova Roveretolo, che nasce già mitigata e che andrà a scaricare via Zanardi;
- filoviarizzazione linea TPL su via Emilia Levante, con la sostituzione degli autobus con i filobus (meno rumorosi);
- riduzione del traffico in accesso al centro storico, considerando l’obiettivo al 2020 del PUMS(-20% di traffico veicolare), attualmente in corso di elaborazione;
- rifacimento del manto stradale di via Marco Polo;

Comune di Calderara di Reno
- gestione del traffico nella frazione di Longara, prevedendo il limite di velocità di 30 Km/h dove non già prescritta e l’inserimento di dossi rallentatori rialzati sugli attraversamenti pedonali e/o sugli incroci;

Comune di Casalecchio di Reno
- strada Nuova Porrettana, la cui realizzazione andrà a scaricare il centro abitato di Casalecchio nei due ambiti analizzati (via Calzavecchio, via Resistenza);

Comune di Castel Maggiore
- strada Nuova Galliera, che nasce già mitigata e che andrà a scaricare via Vancini, viale della Costituzione e via Bondanello;

Comune di San Lazzaro di Savena
- gestione del traffico nel capoluogo, considerando la riduzione della velocità a 30 km/h su via della Repubblica e due scenari di riduzione del traffico privato su via Emilia (riduzione del 20% e del 40%).


Le analisi di dettaglio delle azioni previste nelle 10 aree di intervento, come meglio descritte nella Relazione tecnica del Piano d’azione (alla quale si rimanda per ogni approfondimento), hanno permesso di quantificare i benefici di tali azioni in termini di riduzione della popolazione esposta ai livelli acustici generati dalla rete stradale non principale.

In tabella - vedi immagine 2, in alto a destra - sono riportati i dati (riferiti all’insieme delle 10 aree considerate nel Piano) della popolazione esposta ai diversi intervalli di rumore Lden e Lnight per gli scenari ante e post Piano, dai quali si evidenzia uno spostamento di una quota della popolazione dalle fasce di rumore più alte verso quelle meno rumorose.

Link al Piano d'azione

Ultimo aggiornamento: mercoledì 19 febbraio 2020