Cosa deve fare il cittadino


Dall'inizio di aprile alla fine di ottobre il cittadino deve:

  • evitare di abbandonare all’aperto ogni contenitore che possa raccogliere acqua (sottovasi, annaffiatoi, recipienti ecc.) oppure svuotarli dopo l’uso e rovesciarli in modo che non raccolgano acqua piovana;
  • proteggere con una rete zanzariera a maglie fitte i contenitori che non possono essere svuotati e rovesciati (tipo bidoni degli orti) oppure chiuderli ermeticamente;
  • trattare con prodotti larvicidi l’acqua dei tombini e delle caditoie nel periodo da aprile a ottobre;
  • falciare regolarmente l’erba e le siepi, in modo che le zanzare adulte non vi si annidino;
  • tenere vuote le piscine inutilizzate;
  • svuotare fontane o laghetti ornamentali oppure effettuare gli interventi larvicidi con gli appositi prodotti (bacillus thuringiensis, larvicida biologico adatto agli ambienti acquatici). In alternativa si possono introdurre pesci rossi, che si nutrono di larve di zanzara;
  • evitare di abbandonare all’aperto rifiuti
  • annaffiare tramite pompa orti o giardini, oppure utilizzare un contenitore da riempire volta per volta e svuotare dopo l’uso, curando di non abbandonarlo all’aperto;
  • evitare, per quanto possibile, di accumulare materiali all’aperto. In alternativa coprirli con un telo ben teso, svuotando eventuali ristagni di acqua dopo ogni pioggia;
  • non conservare i copertoni all'aperto, oppure coprirli con un telo ben teso, da svuotare dopo ogni pioggia. In ogni caso, assicurarsi sempre che non vi sia acqua al loro interno;
  • i responsabile di cantiere devo assicurarsi che non ci siano materiali abbandonati all’aperto che possano raccogliere acqua piovana e sistemare il terreno in modo da evitare i ristagni d’acqua;
  • prestare particolare attenzione ai vasi di fiori recisi, usando acqua alla quale è stato aggiunto il prodotto larvicida. Per i fiori finti, riempire il vaso di sabbia oppure usare l’apposita spugna fornita dai fioristi.

Questi interventi sono prescritti dal vigente Regolamento comunale d’Igiene, che prevede sanzioni da parte della Polizia Municipale e della Azienda USL di Bologna in caso di non adempimento.

Per i cittadini il Comune mette a disposizione un calendario personalizzabile con i propri trattamenti larvicidi, un utile strumento per rendere ancora più efficace la lotta contro la zanzara tigre.

Competenze

Ultimo aggiornamento: mercoledì 03 agosto 2016